Terremoto di magnitudo 3.8 in Appennino

Due scosse di terremoto sull’Appennino tosco-emiliano a distanza di circa un minuto l’una dall’altra.

L’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv) rileva una scossa di magnitudo 3.8 a otto chilometri da Pievepelago, in provincia di Modena, poco prima delle 17.50, a una profondità di 14 chilometri.

La seconda è stata di magnitudo 3.2 a otto chilometri da Fosciandora, in provincia di Lucca, a una profondità di 13 chilometri, a poca distanza dalla prima. La scossa è stata avvertita.

Non sono stati rilevati danni a cose o a persone, dopo i primi contatti che la protezione civile dell’Emilia-Romagna ha avuto con tutti i sindaci dei Comuni della zona e con i vigili del fuoco. La Protezione civile rimane comunque in stato di allerta, con personale già presente al Centro operativo di Marzaglia (Modena), per monitorare gli effetti del sisma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.