Marsura otto anni dopo: “Ho voglia di rivincita”

L’attaccante torna a Modena a distanza di otto anni con la voglia di far ricredere tutti sul suo valore: “Quello che ho passato qui è stato l’anno più difficile della mia carriera, ero giovane, adesso tante cose sono cambiate e sono sicuro di poter fare bene”.

Ne è passata di acqua sotto i ponti da quel 2014, da quelle 10 presenze in canarino a soli 19 anni che lui stesso definisce tra le più difficili della sua carriera. Il Davide Marsura che ritrova i colori del Modena si dice diverso, più maturo, sa di essere di fronte ad un’occasione importante in un momento altrettanto importante per sè e per il Modena. “Sono contento di essere tornato a Modena – eosrdisce – la mia prima annata qui è stata la peggiore della mia carriera a livello personale e mi dispiace. Oggi sono una persona completamente diversa, sono più maturo e sono cambiato molto anche come giocatore. Sicuramente sono migliorato tanto e ho maggior consapevolezza dei miei mezzi, penso solo a dare una mano alla squadra. Mi sto trovando bene, il gruppo è solido, la società è seria e organizzata con ambizioni e obiettivi ben precisi. Non sono qui per fare tante chiacchiere e proclami, voglio solo far parlare solo il campo e i fatti. con Tesser mi sono subito trovato a mio agio, è una brava persona e il curriculum parla per lui. Mi ha dato il benvenuto, mi ha spiegato il progetto Modena e il suo pensiero. Sono contento di averlo come allenatore”.
Sabato arriva il Brescia capolista, sua ex squadra. “Non sento particolarmente la sfida con le rondinelle dato che ho fatto solo un anno con loro, ma sono contento di giocarci contro. Mi aspetto una gara tosta, loro sono esperti della categoria, però ci faremo trovare pronti. Adesso non ci fissiamo obiettivi, pensiamo partita per partita, cercando di conquistare più punti possibili”.
Sui tifosi che hanno un pò mugugnato sul suo arrivo. “Magari non sono felicissimi del mio arrivo e ci può stare, non hanno un bellissimo ricordo di me. Voglio dimostrare anche a loro che sono una persona diversa e proverò a fargli cambiare idea”.

Viene da una stagione positivi al Pisa. “Fino a febbraio ho giocato quasi tutte le partite, dopo il mercato di gennaio la società decise di comprare diversi giocatori senza venderne – ha raccontato – e questo ha disunito il gruppo, quando si è in tanti è difficile accontentare tutti. Tornai da un piccolo infortunio ma il mister cambiò modulo e trovai poco spazio, mi spiace perchè negli ultimi tre mesi non sono riuscito a dare il mio apporto ma per il Pisa resta una stagione incredibile”. Da queste parti è di casa, ricorda l’anno a Carpi con Castori. “Ho ritrovato fiducia con lui, e negli anni successivi imparai a fare la seconda punta, tra l’esterno e l’attacco. Sono consapevole delle mie qualità, ma non sono qui per fare tante chiacchiere e proclami. Li ho già fatti anni fa, ora voglio far parlare il campo. Sono arrivato qui l’ultimo giorno di mercato ma già a ferragosto sapevo dell’interessamento del Modena che poi si è concretizzato alla fine. Appena si è aperto lo spiraglio, sono stato molto felice». Sul Modena di oggi ha un’idea. “Ho visto il Modena in queste prime giornate, ha giocato ottime partite ed è stato punito da episodi. In B non ci sono favoriti, si può vincere o perdere con chiunque e noi dobbiamo pensare a fare più punti possibili”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.