A Modena si torna a sposarsi dopo lo stop del Covid

Sono stati 226 nel primo semestre, con il boom dei 94 di giugno. E anche luglio, con 113 pubblicazioni, conferma la tendenza alla ripresa post pandemia Nel primo semestre di quest’anno a Modena si sono celebrati 226 matrimoni. Dopo il calo registrato tra il 2020 e il 2021 a causa della pandemia, si è tornati quasi sui valori degli anni precedenti, con una tendenza all’aumento (una sorta di recupero rispetto alla sospensione durante l’emergenza sanitaria) e un piccolo boom registrato in giugno quando i matrimoni sono stati 94, quasi un record per l’ultimo decennio. E la tendenza, a giudicare dai numeri delle pubblicazioni all’Anagrafe comunale, sembra confermata anche per luglio. Dai dati dell’ufficio Statistica comunale, dei 226 matrimoni celebrati nel primo semestre 49 sono religiosi e 177 civili. Lo scorso anno nei primi sei mesi ci si era fermati a 177 matrimoni (456 in tutto il 2021), nel 2020, con il lockdown, addirittura a 116 (322 in tutto l’anno). Mentre nel 2019 i matrimoni complessivi erano stati 530 (275 nel primo semestre) e l’anno prima 477 (238 entro giugno). In giugno non si sono mai raggiunti i 94 matrimoni come quest’anno (28 religiosi e 66 civili) e il numero rappresenta uno dei più alti nell’ultimo decennio anche rispetto agli altri mesi dell’anno: solo nel settembre del 2012 si è arrivati a 97, mentre si sono raggiunti i 93 matrimoni solo in due altri casi, sempre a settembre, nel 2015 e nel 2017. Nel frattempo, le pubblicazioni del Comune di Modena per il mese di luglio di quest’anno sono state 113 (60 per riti civili e 53 per cerimonie religiose), ma non tutti i matrimoni vengono celebrati in città, mentre possono esserci matrimoni in cui le pubblicazioni sono state fatte nei Comuni di residenza. Nel luglio dell’anno scorso a Modena si sono celebrati 66 matrimoni, più del doppio di quelli del 2020 (31), mentre nel 2019 erano stati 50.
.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.