Miti, maschere e danze della Costa d’Avorio

Al Ridotto del Teatro Comunale per la rassegna Dentro le Note

Si terrà sabato 26 marzo alle 17.30 al Teatro Comunale di Modena (ingresso libero da Via Goldoni 1) uno degli appuntamenti di “Dentro le Note”, rassegna dedicata da sempre alla conoscenza di musiche senza confini attraverso la testimonianza diretta e il racconto degli artisti coinvolti.

Questa volta l’incontro, dal titolo Gnimahou, un ragazzo che diventa uomo, sarà dedicato a miti, maschere e danze della Costa d’Avorio. Un incontro inaspettato e coinvolgente; il villaggio e la sua vita, i ricordi dell’infanzia e i riti di passaggio attraverso danze tradizionali accompagnati dalle percussioni dal vivo; la narrazione ci proietta in un mondo di simboli e di arte. Un padre e un figlio uniti dalla danza e il suono dei tamburi evocano spiriti ancestrali, anime lontane, paesaggi e idiomi diversi ritmati da un’oralità visiva potente come quella delle maschere e dei loro significati più profondi e originali. L’incontro è a cura di L’Artificio Spazi creativi di Spilamberto, associazione che lavora dal 2015 con diversi maestri dell’Africa dell’Ovest promuovendo attraverso corsi e seminari lo studio delle danze tradizionali di paesi tra cui Costa D’Avorio, Senegal, Guinea, Burkina Faso e Mali accompagnate sempre dalle percussioni dal vivo, oltre ad offrire momenti importanti di scambio culturale e conoscenza delle diverse tradizioni. Parteciperanno i danzatori Alain Franck Nahi e Elia Nahi, i percussionisti Jean Louis Degrè e Antoine Franck Kouamé, i relatori Angela Sparvieri e Carlo Stanzani, con maschere della collezione privata di Giuseppe Di Giovanni.

La Rassegna è presentata grazie al sostegno e alla collaborazione di Università di Modena e Reggio Emilia, Comune di Modena Assessorato alle Politiche sociali, Accoglienza e integrazione, Agenzia casa e CrossOpera progetto cofinanziato dal programma Europa Creativa dell’Unione Europea.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.