Scuola / Istituto Venturi, per i lavori nelle tre sedi spesi oltre 4,6 milioni di euro (video)

Sono complessivamente 4,6 milioni di euro, le risorse che la Provincia di Modena ha investito dal 2016 all’istituto d’arte Venturi di Modena, nelle tre sedi di via Ganaceto, via dei dei Servi e via Belle Arti, lavori per un milione 300mila euro in via Ganaceto, due milioni 300mila euro nella sede di via dei Servi e circa un milione di euro per via Belle Arti.

E’ quanto realizzato della Provincia di Modena in seguito ai danni che gli edifici hanno subito dopo il sisma del 2012 e che è presentato mercoledì 16 novembre alla biblioteca storica dell’istituto Venturi di via Belle Arti in un incontro coordinato da Provincia e dirigenza scolastica, per presentare la conclusione dei lavori, avvenuta lo scorso mese di ottobre con il ripristino della sede di via Belle Arti.

In particolare, nella sede di via Ganaceto, in passato sede dell’Istituto Deledda e che comprende 16 aule e cinque laboratori, la Provincia ha realizzato un intervento di ammodernamento di oltre un milione e 300 mila euro, con lavori di miglioramento sismico, ristrutturazione e manutenzione straordinaria. Sono stati rinnovati buona parte di porte e finestre, dell’impianto di illuminazione e il consolidamento della cancellata su Via Monte Kosica.

Per il presidente della Provincia di Modena Gian Domenico Tomei «la conclusione dei lavori all’istituto Venturi rappresenta la volontà e l’impegno che l’amministrazione provinciale ha avuto in questi anni, scegliendo di recuperare il patrimonio architettonico di questi edifici storici per restituirli non solo agli studenti e ai docenti, ma all’intera comunità modenese. Mantenere la scuola in centro è anzitutto una scelta di valorizzazione territoriale e di questo siamo molto fieri, perché siamo convinti che la scuola sia determinante nei processi di crescita e coesione sociale».

Per quanto riguarda la sede di via dei Servi, inagibile dal sisma del 2012 e riaperta il 7 gennaio 2019, la Provincia ha investito due milioni e 308 mila euro, finanziati con i fondi regionali per la ricostruzione e dalla Provincia stessa, i lavori hanno migliorato le prestazioni sismiche dell’edificio grazie a rinforzi strutturali e all’installazione nelle murature di quasi 500 catene antiribaltamento. Inoltre tutte le lesioni sono state riparate, comprese quelle dello scalone monumentale che è stato rinforzato nel rispetto delle

caratteristiche originarie e sono stati eseguiti anche diversi interventi di adeguamento degli impianti termici, idrici, elettrici e meccanici.

L’edificio ospita il liceo artistico, composto da biennio e triennio di architettura e ambiente, design dell’arredamento e grafica e comprende 33 aule, 12 laboratori, la palestra, la biblioteca, dieci uffici, due sale insegnanti e due per riunioni.

“È importante aver restituito alla città – spiega il sindaco di Modena Gian Carlo Muzzarelli – la bellezza e il pieno utilizzo in sicurezza di tre edifici storici, rendendo Modena sempre più attrattiva, ed è importante averlo fatto qualificando le tradizionali sedi scolastiche con strutture funzionali e moderne a sostegno della didattica”.

Per la dirigente scolastica Luigia Paolino «davanti al restauro che ha riportato la sede di via Belle Arti alla sua originale bellezza la nostra scuola prova un sentimento di gioia e di orgoglio ma anche un senso di responsabilità e di custodia. Il Venturi è consapevole del privilegio di poter vivere e abitare quotidianamente uno dei palazzi più belli del centro storico e per una scuola come la nostra che riconosce nella creazione e nella tutela delle cose belle un proprio valore fondante questo significa molto».

Inoltre a novembre 2019 sono stati conclusi i lavori della palestra che hanno riguardato il rifacimento completo dell’impianto di illuminazione e della pavimentazione per un importo complessivo pari a 75mila euro, di cui 65mila finanziati con contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena.

Infine lo scorso 7 ottobre sono stati terminati i lavori nella sede storica di via Belle Arti, che hanno riguardato il restauro degli intonaci, dei tinteggi e degli stucchi della facciata principale, nonché del relativo portico di ingresso, oltre al restauro del cortile interno “ad esedra”, centro dell’intero complesso monumentale e scolastico, oltre ad un intervento sulle strutture a seguito dei danneggiamenti subiti dal fabbricato con il sisma del maggio 2012 con il rafforzamento dei solai di copertura attraverso il consolidamento della struttura con il parziale rifacimento della copertura, la creazione di un sistema di controventi e la messa in opera di una cordolatura metallica in sommità alle murature dei sottotetti.

Nel corso dell’anno scolastico 2022/2023, l’istituto d’istruzione superiore Venturi è frequentato da 1.598 studenti divisi in 65 classi.

MODENA, LA BIBLIOTECA STORICA DELL’ISTITUTO VENTURI REALIZZATA NEL 1786, CONTA VOLUMI DI PREGIO E OPERE D’ARTE

Sono La Biblioteca storica d’arte dell’istituto Venturi, venne ideata per ordine di Ercole III, già dal 1786 col progetto dell’archietto Giuseppe Maria Soli, al primo piano accanto alla grande sala del nudo. In seguito per sistemare il sempre più consistente patrimonio librario, con i lavori di ampliamento del 1869, fu trasferita al secondo piano nella sala già delle Adunanze, usata anche per l’esposizione dei premi di pittura e disegni e decorata dallo stesso Soli e dai suoi allievi con affreschi di gusto neoclassico. Questa collocazione restò per gli anni successivi e la biblioteca venne successivamente arredata con mobili appositi nel corso degli anni ottanta dell’Ottocento sotto la direzione di Adeodato Malatesta.

Dagli inventari generali del 1881 e 1884 risultano pagamenti al falegname Celeste Righi per armadi, mentre nel 1889 sempre lo stesso riceve pagamenti per il “tavolo ovale diviso in due parti in legno di larice e abete per la biblioteca”, alle stesse date risale probabilmente il lampadario. Questa ubicazione resterà almeno fino agli anni trenta del novecento.

Nei primi anni Sessanta la biblioteca fu trasferita al primo piano e le pareti vennero attrezzate dai vecchi armadi e ne furono fatti costruire anche altri della stessa foggia ma che si differenziano dai primi perché non numerati.

Le foto storiche documentano la presenza della copia della Cena in casa di Simone il fariseo del Veronese eseguita da Jean Boulanger, dipinto di grandi dimensioni, successivamente prelevato dalla Soprintendenza per essere restaurato.

Nel 2008 sono stati restaurati e collocati sulle pareti alcuni dipinti ottocenteschi, tra cui copie di ritratti già noti dei grandi artisti modenesi e reggiani a partire da Niccolò dell’Abate e i ritratti dei direttori e dei docenti dell’Accademia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *