Operazione “Perceverance” contro la ‘ndrangheta emiliana: 22 condannati dal Tribunale

La pena più alta sono i 18 anni inflitti a Giuseppe Sarcone Grande, considerato all’epoca dell’arresto uno dei vertici della ‘Ndrangheta emiliana.

Il processo in abbreviato dell’operazione ‘Perseverance’, scattata il 12 marzo 2021 sulla scia delle indagini ‘Aemilia’ e ‘Grimilde’, si è concluso davanti al Gup del tribunale di Bologna Claudio Paris con 22 condanne, due assoluzioni e 14 patteggiamenti.

L’inchiesta, coordinata dal pm Beatrice Ronchi, si concentrò sulle infiltrazioni dei clan nell’economia del territorio dove la cosca emiliana, hanno sancito altre sentenze, è gruppo autonomo e radicato.
Il giudice ha inflitto 16 anni a Salvatore Muto, 15 a Domenico Cordua, 14 anni e quattro mesi a Giuseppe Friyio, 14 a Salvatore Procopio, 13 anni e 4 mesi a Giuseppe Caso, 8 anni a Alberto Alboresi, Genoveffa Colucciello e Nicolino Sarcone.
Disposto anche il risarcimento del danno con provvisionali alle parti civili: 200mila euro alla Regione Emilia-Romagna, 100mila euro ciascuno al Comune e alla Provincia di Reggio Emilia, 50mila a Libera, 10mila al Comune di Gualtieri, 30mila a quello di Cadelbosco Sopra, 20mila ciascuno a Cigl, Cisl e Uil Emilia-Romagna e Camera del Lavoro di Reggio Emilia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *