Un altro pezzo di Modena se ne va, ciao Ermes!

E’ morto all’età di 85 anni Ermes Rinaldi, lo storico oste di via Ganaceto. Profondo cordoglio da tantissimi modenesi che stanno inviando messaggi di cordoglio alla famiglia. Addio a uno dei modenesi più conosciuti e amati. E’ scomparso all’età di 85 anni l’oste Ermes Rinaldi titolare della storica osteria di via Ganaceto.

Un luogo in cui praticamente tutti i modenesi, almeno una volta, si sono accomodati per degustare i piatti tipici modenesi e godere di un’atmosfera unica e familiare per un locale. «Da noi si mangia come se si mangiasse in casa propria – diceva con orgoglio Ermes – In una famiglia quando si fa il brodo poi si mangiano le tagliatelline, i quadretti con i fegatini, oppure i passatelli. Poi se è sabato, se è “festa”, allora ci scappano i tortellini. E se si fa il ragù allora bisogna fare le tagliatelle e, quando si ha più tempo, si fanno anche le lasagne: per questo le abbiamo al lunedì, perché alla domenica la Bruna ha tempo di farle». Notate quante volte questo signor oste ha usato il verbo fare. Perché tutto viene effettivamente fatto, creato, assemblato e indotto a nascere secondo rituali arcani rigorosamente modenesi.

IL CORDOGLIO DELLA CITTA’

Il sindaco di Modena ricorda il titolare dell’osteria di via Ganaceto: “Modi apparentemente burberi e cuore grande, ciao Gabian”

“Un simbolo della città, un autentico cultore della tradizione gastronomica modenese, dai modi apparentemente burberi, ma bonari, che non riuscivano a nascondere un cuore grande”. Il sindaco di Modena Gian Carlo Muzzarelli in un messaggio di cordoglio ricorda così, sottolineandone la generosità. l’oste Ermes Rinaldi, scomparso a 85 anni, titolare dello storico locale di via Ganaceto insieme alla moglie Bruna.

La trattoria Ermes è una delle “botteghe storiche” della città e “quando festeggiò i 50 anni di attività – ricorda il sindaco – lo fece coinvolgendo tanti modenesi in un’iniziativa di solidarietà. Era il suo stile e questo è il modo migliore per ricordarlo: ciao Gabian. E un abbraccio alla moglie e al figlio”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.