Due incidenti, uno grave, in poche ore a Castelfranco

Una 70enne è grave investita martedi sera davanti all’Ufficio Postale

Stavano rientrando a casa dopo una veloce spesa serale quando sono state investite da un’auto proprio all’esterno del negozio. A riportare le ferite più serie una donna sulla settantina che è stata scaraventata sull’asfalto da un’automobile, una Ford.La signora, in compagnia della nipote, aveva appena acquistato un po’ di frutta in un negozio di via Circondaria Sud a Castelfranco. Una serata come le altre che, poco dopo le sette, è però stata caratterizzata dal grave incidente.Come detto è stata la 70enne ad avere la peggio, mentre l’adolescente non ha riportato conseguenze così gravi. I passanti, i gestori delle attività ancora aperte, hanno immediatamente chiamato i soccorsi. Sul posto, proprio a ridosso del centro cittadino, sono subito arrivati due mezzi del 118. I sanitari, una volta capita la situazione della donna, hanno chiesto anche l’intervento dell’elisoccorso che è arrivato da Bologna per atterrare nelle vicinanze dell’incidente. Secondo i testimoni, la signora avrebbe riportato le ferite più gravi alla testa. Il colpo, infatti, l’avrebbe sbalzata a diversi metri di distanza dal punto dell’incidente. Si parla addirittura di una decina di metri.Una volta terminata la prima fase, quella appunto dedicata all’emergenza, in via Circondaria Sud sono entrati in scena i carabinieri. È toccato ai militari, infatti, ricostruire quanto accaduto. Fotografie, misurazioni, domande ai testimoni. Tutte informazioni, queste, utili a decifrare quale sia stata la dinamica dell’accaduto. In particolare sarà importante capire in che porzione di strada le due persone stavano attraversando: erano sulle strisce pedonali? Oppure no?Toccherà ai carabinieri dare le risposte.

Oggi un altro incidente a Castelfranco, alla rotonda che porta verso l’ospedale, davanti al campo Pedretti. Un giovane studente è stato investito da un’auto, soccorso dal 118 e ricovrato in ospedale. Le sue condizioni non sarebbero gravi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *