Mirandola / arrestato per estorsione, chiede 300 euro per restituire documenti sottratti

I poliziotti del Commissariato di Mirandola hanno tratto in arresto in flagranza di reato un ragazzo di 21 anni, gravemente indiziato di tentata estorsione. L’attività è scaturita dalla denuncia di un minorenne, il quale ha riferito agli agenti di aver subito una rapina da parte di un ragazzo conosciuto pochi giorni prima tramite Instagram.

Questi, facendogli violenza e minacciandolo, si era fatto consegnare i documenti d’identità personali. Poi, sempre attraverso messaggi social, il 21enne aveva preteso la corresponsione di una somma pari a 300 euro per la restituzione dei documenti.

Una volta trovato “l’accordo”, i due giovani hanno fissato un luogo di ritrovo, ma qui gli agenti del Commissariato si sono appostati in attesa di identificare il giovane. Dopo aver individuato l’estorsore, trovandolo in possesso dei documenti personali rapinati al minore, i poliziotti lo hanno arrestato in flagranza.
Da Carrefour ce n’è per tutti i gusti! Tanti prodotti su misura per te
Vedi Offerte Contenuto Sponsor

Al termine delle operazioni, in attesa dell’udienza di convalida, il 21enne è stato condotto presso il carcere di Sant’Anna. Toccherà al giudice esprimersi sulla sua sorte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *