Tesser: “C’è bisogno di tutti, nessuno farà 38 partite, serve il ‘noi’ e non l’io” (video)

Attilio Tesser ha così analizzato la prestazione offerta dal Modena contro la Modenese: “Nel primo tempo abbiamo avuto qualche difficoltà sul ritmo e in alcuni movimenti, ma è bene così perchè nelle difficoltà si va a sollecitare l’intensità giusta che serve nell’approcciare contro qualunque squadra; abbiamo trovato difficoltà a trovare ritmo anche perchè cercavamo gli uomini tra le linee e questo va a rallentare la manovra; nel finale del primo tempo siamo riusciti ad accelerare e a trovare la porta in varie occasioni con gli scarichi sul trequartista. Nella seconda frazione di gioco gli avversari sono calati e la squadra ha sviluppato cose positive. Voglio che la squadra migliori nella fase in cui dobbiamo rubare palla, serve più intensità. Quando ci sarà più dinamismo e velocità le giocate saranno diverse. Il bilancio del ritiro? Qui a Fanano, abbiamo lavorato bene ed intensamente e non ci sono stati intoppi dal punto di vista fisico. E’ stato un lavoro buono e intenso, la squadra ha lavorato molto sul piano fisico e i carichi di lavoro si sono sentiti in queste uscite, oggi in particolare. C’è ancora tanta strada da fare, dobbiamo migliorare la conoscenza sia in campo che fuori, ma con sedici giocatori nuovi era inevitabile che fosse così; ci faremo trovare pronti per i primi impegni ufficiali sia fisicamente che mentalmente”. Aggiunge. “Nessuno dovrà mollare di un centimetro, esiste solo il bene collettivo del Modena e abbiamo un obiettivo preciso da raggiungere. Ci sono tanti giocatori e a nessuno garantisco di giocare tutte le 38 partite”. Conclusione dedicata a Gavazzi: “Sta crescendo molto e sarà un calciatore molto importante per noi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.