Progetti da candidare, ok alla variazione in Giunta

Adeguamento del Bilancio comunale per cogliere alcune opportunità di finanziamenti e accelerare sui rimborsi per l’alluvione. Sarà ratificata dal Consiglio

Creare le condizioni per poter presentare progetti che concorrono a fondi ministeriali o a possibilità di finanziamenti con scadenze molte ravvicinate e consentire di accelerare le procedure per riconoscere alle aziende danneggiate dall’alluvione i contributi assegnati dalla Regione: complessivamente 226 mila euro da riconoscere a 35 imprese entro l’anno.

Sono le motivazioni alla base della sesta variazione al bilancio del Comune di Modena approvata nei giorni scorsi dalla giunta, su proposta dell’assessore al Bilancio Gianpietro Cavazza, con procedura d’urgenza e che dovrà poi essere ratificata dal Consiglio comunale alla ripresa delle attività.

Il provvedimento ha un valore complessivo di circa un milione di euro per la spesa corrente nel triennio 2021-2023 e di oltre un milione e 200 mila euro in conto capitale.

In particolare, si prevede l’applicazione di una quota di 176 mila euro dell’avanzo vincolato che viene destinato a un rimborso per Ert (86 mila euro per lavori di manutenzione straordinaria allo Storchi) e a incarichi di progettazione (90 mila euro) che consentano di presentare la richiesta di finanziamento a tasso zero per l’intervento di riqualificazione di un’area di Palazzo Solmi utilizzando l’opportunità messa a disposizione con il bando “Cultura missione Comune 2021” emanato dall’istituto per il Credito sportivo in collaborazione con l’Anci.

Inoltre, vengono adeguati gli strumenti di programmazione finanziaria per recepire un progetto da candidare entro il mese di agosto al bando cultura del Mibac per chiedere un finanziamento da un milione di euro (il progetto avrà un valore di un milione e 390 mila euro e sarà relativo all’area museale) e per recepire il contributo di 824 mila euro del ministero della Transizione ecologica da destinare all’Agenzia per l’energia (Aess) per la costruzione di un edificio progettato secondo i principi del bioclima e per un progetto formativo sulle città resilienti.

Nella variazione sono stati inseriti alcuni nuovi interventi dei Servizi educativi, come l’accordo con la Questura per la gestione del nido Pantera azzurra, del settore Servizi sociali, per attività legate all’accoglienza dei minori stranieri non accompagnati, e del settore Risorse umane per l’organizzazione delle procedure concorsuali in modalità a distanza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *