Il Tar del Lazio cambia le carte in tavola e riconosce i diritti del Carpi fc 1909

La Figc però alzerà un muro, perchè domenica inizieranno i campionati di D. Cosa succederà adesso? di sicuro non è in pericolo la partecipazione dell’Athletic Carpi di Bagatti.

Accolto parzialmente il ricorso: alla società di Forlenza andava la prelazione ad iscriversi in Serie D o in Eccellenza.
Nell’infinita estate del calcio carpigiano i colpi di scena ormai non fanno più nemmeno notizia. L’ultimo ha visto protagonista ancora una volta il Tar del Lazio, che ribaltando la sua stessa decisione di una settimana fa ha deciso di accogliere parzialmente il ricorso del vecchio Carpi Fc 1909, quello ora guidato dal vice presidente Alessandro Forlenza. Il Tar ha concesso anche al Carpi lo stesso diritto alla prelazione per l’iscrizione in D che aveva concesso a Casertana e Sambenedettese, anche se la società deve soddisfare tre requisiti: versare i 300 mila euro a fondo perduto, sistemare i conti e presentare un business plan di solidità economica. La palla ora passa alla Figc, che però alzerà un muro di fronte al Carpi, considerato che domenica scatta il campionato di Serie D. Secondo la sentenza di ieri, pronunciata in monocratico come sospensiva di provvedimenti precedenti, il Tar entrerà infatti nel merito solo il 5 ottobre: se confermerà la D per il Carpi Fc 1909, allora la Figc impugnerà e andrà al Consiglio di Stato. E’ quindi escluso che la Figc entro domenica ammetta il vecchio Carpi, anche in un girone diverso da quello dell’Athletic.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.