Seggi aperti fino alle 23, domani dalle 7. Affluenza in calo

A Pavullo, Montefiorino, Palagano, Sestola, Zocca e Finale Emilia affluenza leggermente in calo rispetto al 2016, quando però si votava un giorno solo

Seggi aperti in Emilia-Romagna dove oggi e domani si vota per il rinnovo di sindaco e consiglio comunale in 48 Comuni, fra i quali i capoluoghi di provincia Bologna, Rimini e Ravenna. Alle urne sono chiamati complessivamente circa 865mila elettori, suddivisi in 1.157 sezioni elettorali.

Oggi i seggi rimarranno aperti fino alle ore 23 mentre domani si potrà votare dalle 7 alle 15.
Si dovranno rispettare alcune misure anti-Covid: si vota con mascherine obbligatorie, gel disinfettante, locali e materiali sanificati. Gli accessi saranno contingentati. Assicurato il voto a chi sia in quarantena o in isolamento per Covid-19.

IN PROVINCIA
Nella provincia modenese si scelgono sindaco e consiglio comunale a Pavullo, Montefiorino, Palagano, Sestola, Zocca e Finale Emilia. Alle 12 a Finale Emilia aveva votato il 14,89% degli aventi diritto, contro il 20,55% del 2016, quando però si votava un giorno solo. A Pavullo l’affluenza è stata del 14,48% contro il 23,01%; a Montefiorino il 20,07 ed era stato il 22,43, a Palagano 20,14 invece di 23,17; a Sestola la percentuale è stata del 18,36 ed era stata 26,09 infine a Zocca 16,30% contro 25,78%.
Si vota oggi fino alle 23 e lunedì dalle 7 alle 15. circa 36mila i cittadini chiamati alle urne per 18 candidati sindaco e 157 al ruolo di consigliere comunale. Il recordman della tornata elettorale è Maurizio Paladini, che a 74 anni punta al sesto mandato come sindaco di Montefiorino ma è osteggiato da Riccardo Coriani e Chiara Asti; anagraficamente parlando il decano è però Ubaldo Fraulini, un mese più “grande” di Paladini e candidato a Sestola: contro di lui i due Magnani, Fabio vicesindaco uscente e il civico Gionata. A Zocca si sfidano Federico Ropa e Federico Covili. A Palagano il sindaco uscente Fabio Braglia cercherà la riconferma contro Giuseppe Fontana. Veniamo ora ai comuni più grandi, Pavullo e Finale Emilia, dove due sindaci di centrodestra cercano la riconferma: nel capoluogo dell’Appennino Luciano Biolchini sfida Graziano Pattuzzi, ex sindaco di Sassuolo e storico esponente PD, ma anche Davide Venturelli, candidato civico, e Stefano Scaruffi, sostenuto da Coraggiosa e 5 Stelle. Nella Bassa, Sandro Palazzi deve guardarsi dal 5 Stelle Mattia Veronesi, da Claudio Poletti, detto “Marco” che corre per il centrosinistra e da Benedetta Pincelli, appoggiata da due civiche. Per i 4 comuni sotto i 15mila abitanti, si potrà tracciare un segno solo sul candidato sindaco o sulla lista collegata e votare un solo candidato consigliere della lista abbinata, mentre a Finale e Pavullo è previsto anche il voto disgiunto. Sempre nei 4 comuni con meno di 15mila abitanti le elezioni saranno a turno secco ed i risultati saranno già noti entro lunedì sera, mentre per Pavullo e Finale è possibile il ballottaggio, in programma nel caso domenica 17 e lunedì 18 ottobre. Ricordiamo che si potrà votare senza obbligo di green pass mentre per accedere ai seggi è obbligatorio l’uso della mascherina. Non si potrà andare al seggio in caso di sintomatologia respiratoria o temperatura superiore a 37,5, se si è stati in quarantena o in isolamento domiciliare negli ultimi 14 giorni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.