120 mila visitatori per Sciocolà, a Skipass in 30 mila

A Modena la fiera ha dato il via alla stagione invernale

Venti tonnellate di cioccolato e 120 mila visitatori: sono i numeri della terza edizione di Sciocola’, iniziativa che si è svolta negli ultimi quattro giorni a Modena.

ell’edizione dedicata al connubio tra cioccolato e l’oro nero di Modena, l’Aceto Balsamico, maestri cioccolatieri e pasticceri provenienti da tutta Italia, e non solo, hanno fatto apprezzare e conoscere il cioccolato in tutte le sue declinazioni, dalle praline, alle creazioni a base del nuovo cioccolato ruby, ai panini creativi al cioccolato e tantissime creazioni innovative.

“Un weekend di festa, di cultura dell’agroalimentare modenese, di bellezza e storia – ha detto l’assessora Carla Ludovica Ferrari -con questo apprezzatissimo festival nel cuore di Modena. Sciocola’ dimostra che in sicurezza possiamo ritornare a vivere le piazze e le strade della città assaporando il cioccolato migliore coniugato ai prodotti tipici del territorio modenese.
Successo anche per gli oltre 70 eventi e appuntamenti in programma: la realizzazione della maxi tavoletta di cioccolato ruby lunga 25 metri ad opera del maestro cioccolatiere Mirco Della Vecchia, il Louvre del Cioccolato con una riproduzione interamente realizzata in cioccolato di batteria di botti di aceto balsamico tradizionale di Modena, realizzate in scala 1:1 composta da 5 botti per un totale di oltre 300kg, il logo in basso rilievo dell’aceto balsamico di Modena Igp, alle bottigliette di aceto balsamico dei due consorzi, all’oscar di cioccolato una vera e propria statuetta in cioccolato ruby che verrà consegnata in occasione del premio Sciocola’ in Rosa – Ruby Award.
Non sono mancate le premiazioni, dal Sciocola’ D’oro a Carlo Rivetti, neo presidente del Modena calcio, al Ruby Award, istituito per la prima volta quest’anno conferito a Micaela Piccoli direttrice dell’unità operativa complessa di chirurgia generale d’urgenza e nuove tecnologie dell’ospedale civile di Baggiovara e dell’azienda ospedaliera di Modena.

ski pass

Con la chiusura di Skipass, la tradizionale fiera del turismo bianco tornata a Modena dopo un anno di stop a causa della pandemia, prende il via la stagione invernale: oltre 30mila presenze e 150 espositori si sono ritrovati per segnare la ripartenza di un settore che ha molto sofferto a causa delle restrizioni.

La Fisi si è confermata il cuore della manifestazione, con le sue attività e i suoi atleti.

Sono stati ospiti di Skipass tutti i più importanti campioni italiani della neve: da Sofia Goggia, futura portabandiera azzurra alla cerimonia di apertura dei Giochi Olimpici Invernali di Pechino 2022 a Michela Moioli, portabandiera tricolore nella cerimonia di chiusura. E poi Marta Bassino, Dominik Paris, Federico Pellegrino, Kevin Fischnaller, Federica Brignone, Luca De Alpirandini, Manfred Moelgg, Stefano Gross, Giovanni Franzoni, Alex Vinatzer, Riccardo Tonetti, Alessandro Pittin, Lara Malsiner, Elia Barp e Giacomo Bertagnolli.
Per tutti i 4 giorni di Skipass è stato attivo il villaggio del Pool Sci Italia formato da un grande igloo gonfiabile e da tanti piccoli igloo dove i marchi hanno esposto le loro novità 2021/2022 e sono stati a disposizione dei visitatori per gli approfondimenti tecnici.
Tanto fermento anche nell’area dedicata al turismo: i territori e le regioni si sono raccontate con tanta voglia di offrire ai turisti, sportivi e non, un inverno indimenticabile.
“Vista la situazione che abbiamo vissuto e quello che stiamo ancora vivendo, siamo felici di come è andata la manifestazione – dice Marco Momoli, direttore di ModenaFiere -Per noi era fondamentale ripartire per dare un segnale e l’obiettivo è stato centrato. Skipass si conferma come appuntamento imprescindibile di apertura del settore”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *