Consiglio Comunale ‘Question time’ / Area ex pro latte, “A breve demolizioni e nuova recizione”

L’assessore Vandelli ha risposto al consigliere Giacobazzi (FI): “La proprietà subentrata nel 2021 ha attivato interventi di ripristino e si studia un nuovo progetto”. Riassunto dei temi trattati lunedi 8 novembre

“All’ex Pro Latte è tempo di scrivere una nuova pagina: la proprietà subentrata nel 2021 ha da subito attivato interventi di pulizia e di sgombero e, a breve, farà partire le demolizioni e realizzerà una nuova recinzione provvisoria. È, inoltre, stato avviato un percorso per progettare un nuovo assetto nella zona che dia piena attuazione alle strategie e agli obiettivi del Pug”.

Lo ha annunciato l’assessore all’Urbanistica Anna Maria Vandelli nella seduta del Consiglio comunale di lunedì 8 novembre rispondendo all’interrogazione, trasformata in interpellanza, del consigliere di Forza Italia Piergiulio Giacobazzi sulla situazione all’ex stabilimento Pro Latte. Il consigliere ha chiesto, in particolare, se l’Amministrazione è a conoscenza della situazione di degrado dell’area, se tra i rifiuti presenti ci siano sostanze pericolose o tossiche, se è stata verificata la presenza di una famiglia con minori all’interno del compendio e, in caso affermativo, se è stato attivato il suo recupero e la sua sistemazione. Giacobazzi ha quindi domandato come intenda attivarsi per la risoluzione di tale problematica e se siano in corso contatti con l’attuale proprietà per un intervento tempestivo di messa in sicurezza del compendio e per il futuro dell’area.

L’area dell’ex Pro Latte rientra tra quelle oggetto della ricognizione dei comparti attuabili ai sensi del vigente strumento urbanistico, oggetto di accordo di pianificazione e, nel 2010, di variante urbanistica, su cui sussiste una capacità edificatoria con destinazioni residenziali più una piccola quantità di funzioni non residenziali/terziario.

L’assessora ha evidenziato che il Comune è in contatto con la nuova proprietà, la società immobiliare che sta gestendo l’ampliamento di Cpc a Sant’Anna, e che la proprietà sta sviluppando un progetto il cui iter prevede anche il parere del Consiglio comunale. “È tempo di azzerare il pregresso – ha ribadito – superando anche il precedente progetto, e di disegnare un nuovo assetto per arricchire questa parte di città di connessioni est-ovest, nord-sud, e per dotarla di tutto quello che serve per realizzare un quartiere di prossimità. Il percorso per la rinascita di quest’area – ha sottolineato – è possibile grazie all’azione dell’Amministrazione, che in questi anni ha dato priorità alla rigenerazione della Fascia nord, creando le condizioni essenziali per restituire nuova attrattività e qualità di contesto alla zona. È un’area in movimento e anche questo è prova della correttezza della strada intrapresa”.

L’assessora ha infatti ricordato il trascorso dell’area, “un ampio contesto che scorre dalle Vinacce fino alle ex Fonderie riunite, oggetto di un programma di rigenerazione pubblico-privata, con rifunzionalizzazione previa bonifica. Si tratta di un intervento – ha proseguito – che ha generato attese immobiliari importanti, ma poi il processo si è interrotto prima con la crisi culminata nel 2006 poi con il terremoto del 2012 e molte società sono entrate in procedure di liquidazione. Da quasi un decennio, quindi, l’area è sospesa con una proprietà con patrimonio negativo e un curatore senza portafoglio che non ha reso possibili interventi. Solo quest’anno, a procedura di liquidazione ancora in corso, il comparto è appunto stato venduto alla nuova proprietà”.

Vandelli ha poi precisato che sono stati diversi gli interventi del Comune per ordinare azioni urgenti e, negli ultimi due mesi, la Polizia locale è intervenuta due volte, identificando le persone trovate all’interno al momento dei sopralluoghi.

Sul tema è intervenuto il capogruppo del Pd Antonio Carpentieri, che ha posto l’attenzione sui contenitori dismessi, spesso legati a situazioni di fallimento di privati, “cui come Amministrazione dobbiamo far fronte. La politica nazionale – ha proseguito – deve farsi carico di situazioni di questo tipo, perché il Comune non ha armi se non le ordinanze che, forse, possono solo tamponare le emergenze ma non sbloccano la rigenerazione. Proviamo a pensare cosa la politica locale può fare, magari un documento politico, per sollecitare il legislatore a fornirle strumenti normativi e finanziari per agire”.

Nella replica, il consigliere Giacobazzi ha sottolineato che “i residenti aspettavano da tempo risposte su questo tema” e ha detto di condividere che, “quando ci sono fallimenti, l’Amministrazione ha sotto certi punti di vista le mani legate. Le cose sono cambiate da quando ho presentato l’interrogazione a giugno – ha aggiunto – c’è una proprietà nuova che ha dato indicazioni su quanto intende fare; speriamo che mantenga quanto detto”.

NUOVI ALBERI E PANCHINE PER IL PARCO VITTIME DI UTOYA

Saranno piantumati in sostituzione di quelli che si sono seccati. L’assessore ai Lavori pubblici Bosi ha risposto all’interrogazione di Andrea Giordani (M5s)

Al parco dedicato alle Vittime innocenti di Utoya saranno piantumati cinque nuovi alberi, in sostituzione di quelli che si sono seccati, e saranno collocate due nuove panchine, mentre sono già state piantumate le siepi di arbusti ai lati del vialetto interno. Lo ha annunciato l’assessore ai Lavori pubblici Andrea Bosi nel corso del Consiglio comunale “question time” di lunedì 8 novembre, rispondendo all’interrogazione proposta dal consigliere Andrea Giordani (Movimento 5 stelle) sullo stato dell’area verde, nella quale “si segnalano piante che non hanno attecchito e si sono seccate e arredi danneggiati o collocati in posizioni non adeguate”.

Nella risposta l’assessore Bosi ha specificato che nell’area saranno piantumati cinque nuovi alberi ad alto fusto (due tigli e tre carpini) in sostituzione di quelle che si sono seccate anche a causa dei recenti lavori per la realizzazione della pista ciclabile di via Gerosa. “L’area verde Vittime di Utoya – ha sottolineato l’assessore – è, infatti, al centro del quadrante dell’area Nord compreso tra le vie del Mercato, Canaletto, Finzi, Gerosa e Toniolo, oggetto di un importante intervento di riqualificazione straordinaria. E i lavori al parco per le nuove piantumazioni e la sostituzione delle panchine divelte – ha spiegato – saranno eseguiti dall’impresa che ha realizzato gli interventi in area Nord, che si è assunta l’impegno dopo il sopralluogo effettuato in settembre con i tecnici comunali. L’azienda garantirà anche l’irrigazione a botte delle essenze piantumate per tutto il 2022”.

La manutenzione del verde nell’area, ha spiegato ancora Bosi, è a carico della cooperativa Aliante e prevede quattro sfalci e due interventi di ripulitura di siepi e cespugli. La pulizia, invece, è in capo ad Hera, “alla quale l’Amministrazione ha chiesto di incrementare i passaggi, anche per rispondere ai comportamenti sbagliati di alcuni frequentatori del parco”.

In replica, il consigliere Giordani ha fatto presente che “anche le piante collocate nella rotonda si sono seccate: forse i lavori andrebbero seguiti con maggiore attenzione invece di rincorrere sempre le aziende per le sostituzioni”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.