Dionisi: “Il pari è giusto, non meritavamo di più”

Parla il tecnico del Sassuolo dopo il 2-2 con lo Spezia

“Direi che oggi siamo stati rimandati a settembre perché siamo ricaduti in situazioni di gioco scolastiche.

Abbiamo usato la testa quando avevamo la palla, ma molto meno quando ce l’avevano gli avversari”.

Così il tecnico del Sassuolo, Alessio Dionisi, analizza la gara con lo Spezia senza sentirsi promosso. “Devo prendere il positivo, ovvero la voglia dei ragazzi di non mollare mai. Torniamo a casa con un pareggio, ma di più non ce lo saremmo meritato”.
I neroverdi sono una squadra che crea e che concede, non a caso quello contro lo Spezia è il terzo 2-2 nelle ultime quattro partite. “Dove dobbiamo migliorare è nel non concedere. E’ vero che abbiamo giocatori di qualità da mettere in condizione di esprimersi, ma non possiamo giocare senza difenderci. Anche oggi abbiamo rischiato: non era facile riprendere una partita contro un squadra che voleva a tutti i costi il risultato”.
La svolta è arrivata con il passaggio al 4-2-3-1 e l’ingresso di Raspadori. “Giocando tra le linee ci ha permesso di trovare soluzioni diverse e abbiamo accelerato. Avremmo creato più possibilità se avessimo mosso la palla più velocemente sin da subito. Spesso ci siamo trovati a giocare spalle alla porta, preda della fisicità dei difensori dello Spezia. Se siamo quelli del primo o del secondo tempo? Siamo entrambi. Ora è il momento di chiederci: chi vogliamo essere?”. (ANSA).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.