Il Modena recupera tre infortunati, ma perde Duca e Bonfanti

Non sembra ancora concluso il periodo no dei gialli sul piano degli infortuni: l’infermeria è una porta girevole: chi entra e chi esce.

FORMAZIONI UFFICIALI

MODENA (4-3-2-1): Gagno; Ponsi, Ciofani, Baroni, Renzetti; Scarsella, Gerli, Armellino; Azzi, Tremolada; Minesso. All: Tesser. A disp: Narciso, Leonardi, Ingegneri, Rabiu, Mosti, Ogunseye, Maggioni, Di Paola, Castiglia, Spaggiari.
GUBBIO (4-3-3): Ghidotti; Oukhadda, Signorini, Redolfi, Formiconi; Malaccari, Cittadino, Bulevardi; Sarao, Spalluto, Maza. All: Torrente. A disp: Meneghetti, Aurelio, Bonini, Migliorini, Fantacci, Francofonte, Lamanna, Arena, Magni.

Arbitro: Emmanuele di Pisa (Caso-Torresan)

Il Modena non si accontenta del nove, vuole il dieci. Per ottenerlo deve battere oggi allo stadio Braglia il Gubbio (ore 17,30): potrebbe essere la decima vittoria consecutiva, il record verrebbe ulteriormente rafforzato, ma soprattutto è l’occasione per provare a distanziare i cugini della Reggiana, che lunedi nel posticipo vanno sul difficile campo dell’Entella. E’ la penultima giornata del girone d’andata, la terz’ultima dell’anno solare 2021, prima della pausa che porterà allo scontro diretto del 9 gennaio proprio con la Reggiana. Il Modena vorrebbe arrivarci con qualche punto di vantaggio sui rivali, e per questo servirebbe un altro filotto di vittorie. Mister Attilio Tesser, però, da navigato frequentatore di queste categorie, è concentrato solo sulla sfida odierna contro un avversario in piena zona playoff, una gara insidiosa in cui il tecnico canarino si aspetta un’altra prestazione di alto livello da parte della sua squadra: “Il Gubbio è una formazione esperta e solida – ha detto il tecnico di Montebelluna alla vigilia – è la quarta miglior difesa, ha una buona qualità e gioca un 4-3-3 propositivo senza paura. Sarà un altro bel test, impegnativo come sempre in quanto partite facili non esistono. Ciò che conta è avere il giusto approccio e dare il meglio di noi stessi dall’inizio alla fine. Dovremo scendere in campo con fiducia, determinazione e massima umiltà, consapevoli della nostra forza e del momento positivo che stiamo vivendo”.

CHI GIOCA
Andrea Ingegneri, Nicola Mosti e Roberto Ogunseye tornano a disposizione, anche se nessuno di loro – stando alle indicazioni date da mister Tesser nella conferenza stampa di sabato – sarà in grado di scendere in campo dal primo minuto. Ai box, invece, rimangono i centrali difensivi Tommaso Silvestri e Antonio Pergreffi, ormai prossimi al rientro, oltre a Romeo Giovannini, che continua ad avere problemi alla coscia e vede più lontano il ritorno in campo (forse con il Grosseto. per i tre che rientrano, purtroppo, ce ne sono due che escono per i postumi degli infortuni subiti dopo la trasferta di Imola. Sono il match winner Nicholas Bonfanti (doppietta giocando con una gamba sola) ed Edoardo Duca, entrambi non convocati per la sfida odierna. Nella speranza che non ci sia qualche problema pure tra i pali, visto che tra i 20 giocatori chiamati da Tesser c’è anche il giovane portiere Tommaso Leonardi: non era mai accaduto prima, ad eccezione della trasferta in Sardegna con l’Olbia, in quel caso per ovvie ragioni logistiche. Nel Modena che sfiderà il Gubbio ci sarà dunque una sola novità obbligata rispetto alla gara giocata in casa dell’Imolese, ovvero chi prenderà il posto di Duca sulla tre quarti affiancando Tremolada? Tesser ha spiegato di aver provato alcuni centrocampisti, il reparto numericamente messo meglio a fronte di una difesa e un attacco ancora penalizzati dagli infortuni, e di aver provato anche Luca Castiglia, mai titolare dopo il reintegro in rosa. La sensazione è che il tecnico di Montebelluna si affiderà a Manuel di Paola, senza spostare Fabio Scarsella dal suo ruolo di interno ma dandogli ancor più licenza di attaccare l’area avversaria. L’ipotesi dell’avanzamento di Paulo Azzi, con l’inserimento di Francesco Renzetti nel quartetto arretrato, resta valida ma sembrerebbe più probabile a gara in corso. Il resto della formazione sarà identico, con Riccardo Gagno tra i pali, Matteo Ciofani e Riccardo Baroni coppia centrale di difesa, Fabio Ponsi terzino destro, capitan Fabio Gerli in regia, Marco Armellino interno sinistro, Luca Tremolada in trequarti e Mattia Minesso punta di riferimento.

LA LISTA DEI CONVOCATI

PORTIERI: Riccardo Gagno, Antonio Narciso, Tommaso Leonardi

DIFENSORI: Riccardo Baroni, Tommaso Maggioni, Francesco Renzetti, Matteo Ciofani, Fabio Ponsi, Andrea Ingegneri

CENTROCAMPISTI: Fabio Scarsella, Fabio Gerli, Manuel Di Paola, Mario Rabiu, Marco Armellino, Paulo Azzi, Luca Tremolada, Nicola Mosti, Luca Castiglia

ATTACCANTI: Mattia Minesso, Riccardo Spaggiari, Roberto Ogunseye

QUI GUBBIO
«Il valore del Modena è sotto gli occhi di tutti, rispecchiato dal primo posto in classifica e dalle nove vittorie consecutive con cui si presenterà di fronte a noi, ma dobbiamo fortemente credere di poter fare risultato. Di imbattibile non c’è nessuno”. Così Vincenzo Torrente ha presentato il match di oggi al Braglia.
Chi gioca. Il tecnico degli umbri ritrova il difensore Migliorini e l’attaccante Sarao, panchina, mentre dovrà ancora fare a meno del centrocampista D’Amico e del terzino Migliorelli. A completa disposizione il centrale difensivo Signorini e la mezzala Bulevardi, alle prese con qualche problema dopo la trasferta di Pistoia, dove il Gubbio ha conquistato la prima vittoria esterna della stagione. Qualche dubbio di formazione: Formiconi, match winner a Pistoia, spera in una chance dal primo minuto e potrebbe sfilare la maglia da titolare proprio a Signorini al centro della difesa, in particolare se quest’ultimo dovesse essere preservato; in attacco, invece, c’è qualche incognita per quanto riguarda le corsie esterne, dove dovrebbero agire Arena e Fantacci a supporto di Spalluto, giovane centravanti scuola Fiorentina che si è guadagnato la maglia da titolare con gol e prestazioni. Fosse così, finirebbe in panchina l’ex della gara, l’italo-senegalese Doudou Mangni, a Modena in B nella stagione della semifinale playoff persa col Cesena.

PROBABILI FORMAZIONI

Modena (4-3-2-1): Gagno; Ponsi, Ciofani, Baroni, Azzi; Armellino, Gerli, Di Paola; Scarsella, Tremolada; Minesso. All.: Tesser

Gubbio (4-3-3-): Ghidotti; Oukhadda, Signorini, Redolfi, Bonini; Malaccari, Cittadino, Bulevardi; Arena, Spalluto, Fantacci. All.: Torrente

Arbitro: Emmanuele di Pisa (Caso-Torresan)

Stadio Braglia (ore 17,30)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.