Coronavirus / In E-R quasi 11.200 casi e oltre 60 nuovi ricoveri

Si contano altre 22 vittime, tra cui due cinquantenni

Dall’inizio dell’epidemia da Coronavirus, in Emilia-Romagna si sono registrati 816.613 casi di positività, 11.189 in più rispetto a ieri, su un totale di 38.705 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore. La percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti è quindi del 28,9%.
Questo il dato comunicato al ministero della Salute, a cui vanno aggiunti 1.429 nuovi casi registrati a Reggio Emilia e provincia da ieri, che per un problema di rilevamento non è stato possibile caricare. I dati verranno recuperati nei prossimi giorni. Il totale complessivo odierno sarebbe quindi di 12.618 casi.
I pazienti attualmente ricoverati nelle terapie intensive dell’Emilia-Romagna sono 149 (invariato rispetto a ieri); l’età media è di 61,5 anni. Per quanto riguarda i pazienti ricoverati negli altri reparti Covid, sono 2.456 (+62 rispetto a ieri), età media 69,5 anni.
Rispetto ai 16.408 nuovi casi registrati ieri, i contagi oggi registrano un -31,8%.
I ricoverati nei reparti Covid aumentano dell’2,6%, quelli delle terapie intensive sono invariati.
L’età media dei nuovi positivi di oggi è 35,6 anni.

La situazione dei contagi nelle province vede Bologna con 2.667 casi, seguita da Modena (1.968) e Rimini (1.447). Poi Cesena (991), Ravenna (966), Ferrara (959); quindi Piacenza (658), Forlì (647), Circondario Imolese (442) e Parma (427). Infine, Reggio Emilia (17 a cui saranno aggiunti 1.429 casi non ancora conteggiati).
Per quanto riguarda le persone complessivamente guarite, sono 2.866 in più rispetto a ieri e raggiungono quota 490.346. I casi attivi, cioè i malati effettivi, oggi sono 311.690 (+8.301). Di questi, le persone in isolamento a casa, ovvero quelle con sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere o risultano prive di sintomi, sono complessivamente 309.085 (+8.239), il 99,2% del totale dei casi attivi.

Si registrano 22 decessi: 1 in provincia di Piacenza (una donna di 80 anni); 4 in provincia di Parma (due donne, di 77 e 91 anni, e due uomini di 70 e 74 anni); 2 in provincia di Modena (un uomo di 77 anni e una donna di 100); 9 in provincia di Bologna (4 uomini, rispettivamente di 76,77 e 83 anni – questi ultimi registrati dall’Ausl Ferrara – e 94 anni; 5 donne, rispettivamente di 54, 74, 88, 90 e 95 anni); 2 a Ferrara (1 donna di 61 anni e 1 uomo di 80), 1 a Ravenna (una donna di 56 anni), 1 a Forlì-Cesena (1 uomo di 71 anni) e 1 a Rimini (un uomo di 82 anni). Infine, 1 caso riguarda un uomo di 68 anni residente fuori regione, il cui decesso è stato registrato dall’Ausl di Bologna. Nessun decesso in provincia di Reggio Emilia.
In totale, dall’inizio dell’epidemia, i decessi in regione sono stati 14.577.

Sul territorio, i pazienti ricoverati in terapia intensiva sono così distribuiti: 6 a Piacenza (invariato rispetto a ieri), 20 a Parma (+1); 17 a Reggio Emilia (-1); 19 a Modena (invariato); 30 a Bologna (-2); 10 a Imola (+1); 19 a Ferrara (+1); 7 a Ravenna (-1); 2 a Forlì (invariato); 2 a Cesena (invariato); 17 a Rimini (+1).

Covid: al via auto test E-R, assessore lo fa in diretta. Sistema parte il 19 gennaio, ‘così meno burocrazia’

“Per tanti vaccinati asintomatici la positività è un problema più amministrativo che clinico. La sperimentazione è volta proprio a semplificare la vita a queste persone, permettendoci di fare più vaccini e meno tamponi”.

Lo ha detto l’assessore regionale alla salute dell’Emilia Romagna, Raffaele Donini, che si è sottoposto in diretta a un autotest (negativo) illustrando in videoconferenza la procedura dell’autotesting per entrare e uscire dall’isolamento. Il sistema, nuovo in campo nazionale, partirà nella regione mercoledì 19 gennaio e sarà riservato alle persone vaccinate con tre dosi.

A seguito di un tampone antigenico positivo, basterà caricare il risultato sul fascicolo sanitario elettronico per permettere l’invio automatico dell’informazione ai dipartimenti di sanità pubblica ai fini della rapida attivazione dell’isolamento fiduciario. Sempre con l’autotesting, dopo sette giorni a partire dal giorno successivo al dato di positività, sarà possibile effettuare un ulteriore tampone da soli per verificare, e certificare se questo sarà l’esito, la negatività al virus, caricando l’esito sempre sul proprio fascicolo sanitario elettronico, ottenendo in questo modo entro 24 ore la certificazione di fine isolamento. La procedura è aperta ai cittadini assistiti in Emilia-Romagna con fascicolo sanitario elettronico e che hanno ricevuto la terza dose di vaccino (che il 19 coprirà circa 2 milioni di persone). Inoltre bisognerà essere asintomatici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.