Il Modena a Lucca per difendere il primato solitario

Alle 17,30 al Porta Elisa difficile trasferta dei gialloblù di Tesser, che però hanno entusiasmo alle stelle e un pubblico stupendo alle spalle. Prima partita da capolista unica del campionato


(Gerli oggi torna titolare)

Altra insidia sulla strada del Modena nella corsa verso la serie B. Dopo i sette punti raccolti nelle tre sfide ravvicinate con Entella, Reggiana e Cesena, il Modena affronta la difficile trasferta di Lucca. I campi toscani sono tradizionalmente ostici anche a livello ambientale, ma il Modena si presenta con tutte le carte in regola per fare risultato: l’entusiasmo e l’orgoglio di chi è primo in classifica, un pubblico molto nutrito di sostenitori che l’appoggia (saranno in 500 in Toscana) e una squadra finalmente al completo (restano fuori solo Bonfanti e Marotta) e un organico di primissimo piano dal quale poter attingere le risorse, anche in virtù degli impegni ravvicinati che attendono la compagine emiliana. Inizierà oggi un autentico tour de force per il Modena, atteso da ben cinque impegni da qui a fine febbraio: oggi trasferta a Lucca, mercoledì al Braglia il Montevarchi, domenica 20 sfida esterna a Viterbo, tre giorni dopo a Teramo ed infine il posticipo casalingo di lunedì 28 con il Pescara.
L’AVVERSARIO. I rossoneri padroni di casa, sono attualmente al dodicesimo posto a quota 28 punti, di cui sei arrivati nelle ultime nove gare (sei pareggi e tre sconfitte). All’andata finì 2-0 con doppietta di Marotta, uno dei pochi exploit del bomber che poi si è infortunato uscendo di scena.

L’incontro odierno sarà diretto da Michele Giordano di Novara, coadiuvato dagli assistenti Francesco Valente di Roma 2 e Milos Tomasello Andulajevic di Messina e dal quarto uomo Enrico Gemelli sempre di Messina. Il fischietto piemontese ha già arbitrato i gialli nella trasferta vinta 2-1 a Siena con i gol di Tremolada e Azzi lo scorso 7 novembre.

LE ULTIME DAL CAMPO

QUI LUCCA – Tornano a disposizione Bellich e Baldan, out gli infortunati Papini, Ricchi e l’ex Fedato oltre allo squalificato Brandi. Maglia da titolare per Minala in mezzo al campo, mentre sarà l’altro ex Belloni ad agire nel ruolo di trequartista alle spalle di Ubaldi e Semprini. Queste le parole del tecnico rossonero Pagliuca: “Affrontiamo il Modena preparando una partita ad elevato tasso di intensità, consapevoli delle difficoltà ma anche di poter contare su un gruppo valido che cerca sempre di dare il massimo ogni giorno e tenere sempre alto il ritmo contro ogni compagine di questo girone”.

QUI MODENA – Tutti a disposizione di mister Tesser, ad eccezione di Marotta e Bonfanti, che rientreranno a fine mese. Rientro dal primo minuto per Gerli, al cui fianco giocheranno Scarsella e Armellino. In difesa Silvestri è favorito su Piacentini, mentre nel ruolo di prima punta Minesso è in vantaggio su Ogunseye e Longo. Il ballottaggio principale è sulla trequarti, con uno tra Mosti e Giovannini che troverà spazio insieme a Tremolada. Cercando di interpretare le parole del mister Tesser di ieri in conferenza stampa, il favorito sembra essere Giovannini, che va gestito ma che è anche in grande spolvero.

PORTIERI: Riccardo Gagno, Antonio Narciso, Andrea Spurio

DIFENSORI: Antonio Pergreffi, Matteo Piacentini, Riccardo Baroni, Francesco Renzetti, Matteo Ciofani, Fabio Ponsi, Tommaso Silvestri, Shady Oukhadda

CENTROCAMPISTI: Fabio Scarsella, Manuel Di Paola, Fabio Gerli, Edoardo Duca, Marco Armellino, Paulo Azzi, Luca Tremolada, Nicola Mosti, Luca Magnino

ATTACCANTI: Mattia Minesso, Roberto Ogunseye, Romeo Giovannini, Samuele Longo

PROBABILI FORMAZIONI

Lucchese (4-3-1-2): Coletta; Corsinelli, Bachini, Bellich, Nannini; Frigerio, Minala, Collodel; Belloni; Semprini, Ubaldi. All. Pagliuca

Modena (4-3-2-1): Gagno; Ciofani, Silvestri, Pergreffi, Azzi; Scarsella, Gerli, Armellino; Tremolada, Giovannini; Minesso. All. Tesser

Arbitro: Giordano di Novara (Valente di Roma 2-Tomasello Andulajevic di Messina, Quarto Ufficiale Enrico Gemelli di Messina)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.