Alcool alla guida, fenomeno in espansione. la Polizia raddoppia i controlli

A Modena Nord, il conducente di un autoveicolo è risultato positivo al test alcolimetrico con valori di circa un grammo per litro, ovvero il doppio del massimo consentito

L’assunzione di bevande alcoliche alcooliche o di sostanze stupefacenti provoca effetti molto gravi sull’organismo umano; questi effetti risultano particolarmente pericolosi per chi si pone alla guida di un qualsiasi veicolo poiché l’abuso di queste sostanze provoca un abbassamento di concentrazione e una perdita di riflessi, con relativa mancata percezione del pericolo durante la circolazione stradale.

Durante la settimana appena trascorsa, le pattuglie della Polizia Stradale di Modena, sia in viabilità ordinaria sia nella rete autostradale, anche in occasione degli aumentati transiti in occasione dei ponti di primavera del 25 aprile e 1 maggio, hanno accertato in diverse occasione il fenomeno della guida in stato di alterazione psicofisica.

In una prima occasione, riscontrata a seguito di un sinistro stradale avvenuto in autostrada, il conducente di una autovettura è risultato positivo al test alcolimetrico con valori superiori del triplo rispetto al massimo consentito; l’incidente stradale autonomo ha inoltre determinato la necessità di approntare, con altri equipaggi della Polizia Stradale, un servizio di “safety car” per rallentare il flusso dei veicoli nel luogo del sinistro e consentire, in sicurezza, gli opportuni rilievi e la rimozione del veicolo incidentato. Al conducente, altre alla denuncia alla competente A.G., è stata ritirata la patente di guida e rischia la sospensione della stessa da sei a ventiquattro mesi.

Nel corso di un controllo al casello autostradale di Modena Nord, il conducente di un autoveicolo è risultato positivo al test alcolimetrico con valori di circa un grammo per litro, ovvero il doppio del massimo consentito; anche in tale caso si è preceduto, oltre alla denuncia in stato di libertà alla competente A.G., al ritiro della patente guida che potrà essere sospesa per un periodo minimo di sei mesi.

Infine, a seguito degli accertamenti svolti dall’Ufficio Infortunistica unitamente al personale sanitario, si è accertato che in occasione di un incidente stradale avvenuto nello scorso mese di aprile, uno dei conducenti delle autovetture coinvolte si era posto alla guida in stato di alterazione psicofisica determinata dall’assunzione di bevande alcoliche; è stato pertanto segnalato Procura della Repubblica di Modena ai sensi dell’articolo 186 del C.d.S. e rischia la condanna alla pena dell’arresto fino a un anno e la sospensione della patente di guida da sei mesi ad un anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.