Incendio alla discarica di via Caruso, Hera: “natura accidentale”

Incendio ieri sera intorno alle 23 in un’area adiacente la discarica di via Caruso a Modena.

Ad andare in fiamme è stato del materiale che era depositato all’aperto, il fuoco si sarebbe sviluppato partendo una tettoia.

I vigili del fuoco hanno lavorato ininterrottamente fino a questa mattina. Si tratta del secondo incendio nell’area in prossimità della discarica sviluppatosi nelle ultime due settimane.
Ad intervenire in merito all’accaduto è Hera, che spiega in una nota: “Le fiamme hanno coinvolto esclusivamente una tettoia dove vengono stoccati rifiuti ingombranti provenienti dal territorio, in attesa di essere lavorati. Nel corso delle prossime ore l’edificio verrà messo in sicurezza così da consentire la conclusione di tutte le attività, nonché la definizione delle cause che hanno originato l’evento. Dalle prime evidenze si ritiene comunque che sia di natura accidentale. Tutte le attività sono presidiate fin da questa notte dall’Arpae. Nell’incendio – fa sapere Hera – non è stata coinvolta l’area adibita a discarica. Peraltro, questa porzione del sito non è più in esercizio da fine 2008. Da quella data essa è in fase di ‘post-gestione’: è dunque costantemente monitorata ma non vi è il conferimento di nuovi materiali”.

Attraverso una nota il Gruppo Hera ha informato che il rogo “è stato prontamente segnalato dal sistema di rilevazione incendio attivo nel sito con conseguente immediata attivazione dei Vigili del fuoco che sono subito intervenuti fino a domarlo completamente nella prima mattina di oggi. Le fiamme hanno coinvolto esclusivamente una tettoia dove vengono stoccati rifiuti ingombranti provenienti dal territorio, in attesa di essere lavorati”.
Nella stessa nota Hera chiarisce che “nel corso delle prossime ore l’edificio verrà messo in sicurezza così da consentire la conclusione di tutte le attività, nonché la definizione delle cause che hanno originato l’evento. Dalle prime evidenze si ritiene comunque che sia di natura accidentale. Tutte le attività sono presidiate fin da questa notte dall’Arpae. Nell’incendio non è stata coinvolta l’area adibita a discarica. Peraltro, questa porzione del sito non è più in esercizio da fine 2008. Da quella data essa è in fase di “post-gestione”: è dunque costantemente monitorata ma non vi è il conferimento di nuovi materiali”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.