A Fanano musica per ensemble, con il Quartetto Eos

Il nuovo appuntamento della rassegna “Concerti al tramonto…sotto il Cimone” si terrà oggi presso il Parco di San Colombano di Fanano con orario di ritrovo alle 18 ed inizio dello spettacolo alle ore 18.15. Protagonista del concerto sarà il Quartetto Eos, formato da Matteo Salerno (flauto), Aldo Capicchioni (violino), Aldo Maria Zangheri (viola) e Anselmo Pelliccioni (violoncello), con un programma volto a ripercorrere le pagine musicali più celebri della storia. Il concerto si terrà nell’area esterna della Chiesa, ubicata in Via Abà, a Fanano. Per informazioni chiamare il 0536/68696 o inviare una email a info@fanano.eu. Tutti i concerti della rassegna sono ad ingresso libero, senza prenotazione. Il Quartetto Eos è formato da quattro musicisti romagnoli uniti da una profonda amicizia che da oltre vent’anni suonano assieme. La visione musicale aperta li ha portati a cimentarsi in repertori sempre più vasti e ad alternare nelle loro esibizioni musica classica, musica moderna, leggera, rock e pop con arrangiamenti scritti appositamente per loro. Numerose le collaborazioni con diversi artisti tra cui Fabio Concato, il pianista jazz Teo Ciavarella, la cantante Kelly Joyce, il cantautore australiano Mick Arvey, Antonella Ruggero e Mogol. Con Franco Battiato hanno collaborato per l’evento di apertura al Teatro Comunale di Bologna della mostra dedicata a Vermeer, con lo spettacolo “La ragazza con l’orecchino di perla”; in occasione delle manifestazioni per il bimillenario del ponte di Tiberio a Rimini si sono esibiti al fianco dell’attore Ivano Marescotti alla presenza di 7mila spettatori. Recentemente si sono esibiti al fianco di Loredana Lipperini, conduttrice di Rai3 Fahrenheit, presso il Teatro Galli di Rimini. Eclettici e sempre pronti a cimentarsi in nuovi repertori nei loro programmi amano inserire reinterpretazioni dei Queen, Guns’n Roses, Led Zeppelin, Deep Purple, Beatles, Muse, Radiohead ecc. ma si dedicano anche al tango e alla canzone d’autore. Proprio in quest’ottica è nato il progetto assieme a Filippo Graziani per una reinterpretazione “classica” dei capolavori del padre Ivan.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.