Modena, lavori in corso….

nuova pavimentazione in via sant’Orsola. Oggi Martedì 30 agosto al via i lavori dopo gli interventi di verifica stratrigrafica di queste settimane. Fine cantiere entro il 15 settembre

In via Sant’Orsola, nel tratto tra via Sgarzeria e via Ganaceto, martedì 30 agosto iniziano i lavori per realizzare la nuova pavimentazione, dopo alcuni interventi di verifica stratigrafica di quella esistente che si sono svolti nelle scorse settimane.

Ora si procede con la fresatura della pavimentazione esistente in asfalto per poi recuperare quella sottostante in ciottolo e quindi realizzare il nuovo asfalto. La strada, quindi, rimarrà chiusa al traffico fino al termine dei lavori ipotizzato nel 15 settembre.

I lavori fanno parte del pacchetto di interventi di riqualificazione che interessa anche corso Canalchiaro, finanziato con un contributo ministeriale del valore di 230 mila euro per la manutenzione straordinaria di strade, marciapiedi e arredo urbano.

L’intervento sul tratto di via Sant’Orsola segue i lavori di ammodernamento della rete gas a cura di Hera e prevede anche la sostituzione di alcuni pozzetti di ispezione delle fognature, la predisposizione delle reti per gli impianti di illuminazione pubblica, il consolidamento della fondazione stradale e il rifacimento dell’asfalto.

DA 30 AGOSTO LAVORI ALLA ROTATORIA DI VIA DELLE NAZIONI

Cantiere per la posa di arredi urbani ad opera di Usco spa. Fino al 26 settembre sulla Canaletto Nord deviazione segnalata per il traffico proveniente da Modena

Dal 30 agosto fino al 26 settembre sono previsti lavori in corrispondenza della rotatoria di strada Canaletto con via delle Nazioni per la collocazione di arredi urbani ad opera dell’azienda privata che ha ottenuto in concessione d’uso dal Comune di Modena la rotatoria e la relativa manutenzione: la ditta Usco spa di Modena. La posa dell’opera si svolgerà in diverse fasi di cui questa prima, più lunga, potrebbe creare rallentamenti alla circolazione stradale.

Il traffico proveniente da Modena e diretto verso Bastiglia in transito sulla Canaletto, nel tratto interessato verrà infatti deviato nell’anello stradale adiacente l’asta principale di via delle Nazioni per poi rientrare sulla Canaletto Nord. La deviazione sarà segnalata da apposita segnaletica stradale e dal lunedì al venerdì, durante gli orari di punta (dalle 7.30 alle 8.45, dalle 12 alle 13.30 e dalle 17 alle 18.30) i movieri collocati in loco agevoleranno il flusso del traffico nella fase di immissione in via delle Nazioni. Resta invece invariata la circolazione diretta da Bastiglia verso Modena.

Infine, una successiva fase di lavori, che comporterà nuovamente analoga deviazione del traffico proveniente da Modena, si svolgerà il mese successivo e comporterà modifiche alla circolazione solo per un paio di giorni: il 22 e 23 ottobre.

CONTINUA LA MANUTENZIONE DELLE STRADE CITTADINE

Da ieri 29 agosto nuovo pacchetto di interventi per 500 mila euro, si parte con asfaltature nelle vie Rosselli, Morane, Ribera e Guarini

Avviata una nuova serie di interventi di manutenzione e asfaltatura nelle strade di Modena. Si parte da via Fratelli Rosselli per poi proseguire con via Morane, nel tratto tra via Carlo Sigonio e via Gobetti, via Ribera e via Guarini (nel tratto tra via Sigonio e via Venturi) per poi procedere con le altre arterie che fanno parte di un intervento dal valore complessivo di 500 mila euro.

Le lavorazioni previste sono essenzialmente la fresatura e la posa di un nuovo tappeto di usura, previa sistemazione di cordoli, sostituzione o rimessa in quota di chiusini e caditoie.

Si tratta del quarto pacchetto di interventi realizzati, con la modalità dell’Accordo quadro, nei diversi quartieri della città dove i lavori sono stati già completati o si stanno completando, per un valore complessivo di altri due milioni di euro.

Le altre strade che saranno interessate nelle prossime settimane dai lavori di quest’ultimo Accordo quadro sono alcuni tratti di via Giardini, strada Raccordo, via Corletto Nord (i tratti a sud di via Magnaghi), strada Villanova (tratti Sant’Onofrio-Morello), strada Paganine e due svincoli: il 4 della tangenziale Pasternak e il 15 della tangenziale Pirandello, con la rotatoria del casello di Modena Nord.

VIA CANALINO RIAPERTA PER PEDONI E CICLISTI

Terminati i lavori su sottoservizi e ripavimentazione fino all’altezza di via Santissima Trinità, proseguono fino a via Mascherella

Da venerdì 26 agosto riapre al transito, per ora solo per ciclisti e pedoni, un tratto di via Canalino a Modena dove sono in corso i lavori di rifacimento dei sottoservizi e di ripavimentazione in continuità con quelli già terminati tra via Università e via Dei Servi. In via Canalino dove al posto dell’asfalto la pavimentazione è ora caratterizzata da lastre in selce e ciottoli, a parte i cubetti di porfido fino a via Mondatora, in coerenza con la pavimentazione di via San Carlo.

La riapertura di via Canalino riguarda il tratto da via Dei Servi fino a via Santissima Trinità, mentre l’intervento prosegue fino all’altezza di via Mascherella, alla confluenza con via Saragozza.

I lavori fanno parte in un pacchetto di interventi di riqualificazione di alcune strade del centro storico, per un importo complessivo di 500 mila euro, che hanno preso il via nell’aprile dello scorso anno interessando anche l’intera via dei Servi con il rifacimento dei sottoservizi e la riasfaltatura; un primo tratto di via Selmi, da piazzale Torti a via dei Servi, dove alla posa delle nuove reti è seguita la ripavimentazione con una fascia centrale in lastre di selce e ai lati ciottoli. Gli interventi sono stati realizzati anche nel tratto di via Selmi tra via San Paolo a via Foschieri, oltre a via San Pietro, da via Saragozza fino alla chiesa, e in via San Giacomo tra via Stella e corso Canalchiaro.

In alcuni casi la pavimentazione è in selce e ciottoli, in altri in cubetti di porfido e in altri ancora, dove è maggiore il transito veicolare, in asfalto. In tutte le strade interessate dai lavori gli interventi sui sottoservizi sono a cura di Hera.

CIRCOLAZIONE SOSPESA IN VIA PANNI FINO AL 7 SETTEMBRE

Poi verrà ripristinato il senso unico. Provvedimento all’altezza del passaggio a livello necessario nell’ambito dei lavori di Fer per la realizzazione del sottopasso

Continua fino al 7 settembre la sospensione della circolazione su via Panni a Modena, in entrambi i sensi di marcia all’altezza del passaggio a livello della linea ferroviaria Modena-Sassuolo. Il provvedimento, prorogato su richiesta dell’azienda che sta eseguendo i lavori, è necessario nell’ambito dell’intervento per la realizzazione del sottopasso di via Panni, a cura di Fer (Ferrovie Emilia-Romagna) per ragioni di sicurezza e per garantire il ripristino del transito ferroviario Modena-Formigine prima della riapertura delle scuole.

Al termine di questo periodo di chiusura totale alla circolazione stradale, la viabilità su via Panni tornerà a essere quella prevista per la prima fase di lavori, fino a fine novembre, cioè con transito a senso unico con direzione da via Giardini verso via Fratelli Rosselli nel tratto tra via Beato Angelico e l’ingresso provvisorio perdonale dell’Istituto Charitas e la velocità massima consentita sarà a 30 chilometri orari. L’intervento, della durata complessiva di quasi un anno e mezzo, proseguirà a seguire con una seconda fase di lavori che richiederà nuovamente la sospensione totale della circolazione sulla via.

Dalla rotatoria di via Fratelli Rosselli in direzione via Giardini sarà possibile percorrere via Panni esclusivamente per raggiungere l’ingresso del Charitas e l’area degli orti per anziani. Allo stesso modo, da via Giardini sarà possibile raggiungere la zona fino a via Beato Angelico. Per l’intera durata dell’intervento rimarrà occupata l’area di parcheggio del parco Amendola su via Panni. Per il traffico di attraversamento della zona sono previsti assi stradali alternativi: in particolare, per gli spostamenti est-ovest di medio-corto raggio potrà essere percorso stradello Saliceta San Giuliano, per gli spostamenti di lungo raggio, invece, i percorsi consigliati sono viale Amendola per chi è più vicino al centro e strada Contrada per chi è in zona più periferica.

Il superamento del passaggio a livello di via Panni, con un intervento del valore di circa 5 milioni di euro, è reso necessario dalla prossima introduzione del Sistema di Controllo Marcia Treno che aumenterà la sicurezza della circolazione ferroviaria ma determinerà anche un allungamento dei tempi di chiusura dei passaggi a livello.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.