Nell’ultimo consiglio del 2022 la variazione di bilancio

Giovedì 29 dicembre la ratifica del provvedimento approvato dalla giunta. In programma anche delibere e la discussione di ordini del giorno

La ratifica della variazione di bilancio, la decima dall’inizio dell’anno, approvata la scorsa settimana dalla giunta per motivi d’urgenza è la prima delibera all’ordine del giorno del Consiglio comunale di Modena che si riunisce per l’ultima seduta dell’anno giovedì 29 dicembre, alle 15.

I lavori sono convocati nell’aula consiliare, come di consueto nel rispetto delle disposizioni di sicurezza sanitaria anti-Coronavirus, e sono trasmessi in diretta streaming sul sito web istituzionale dell’ente (www.comune.modena.it/il-governo-della-citta).

La delibera sulla variazione verrà presentata dall’assessore al Bilancio Gianpietro Cavazza, mentre sarà l’assessora all’Urbanistica Anna Maria Vandelli a illustrare le altre delibere in programma. Si tratta, in particolare, di un permesso di costruire, in deroga agli strumenti urbanistici comunali, per l’ampliamento e la ristrutturazione di un edificio produttivo in strada Canaletto centro; di una deroga urbanistica per la realizzazione di alloggi di edilizia residenziale pubblica nell’area dell’ex Consorzio agrario; dei permessi di costruire convenzionati per la realizzazione di due fabbricati nell’area Borgo Santa Marta a Cognento; del permesso di costruire convenzionato per la realizzazione di un intervento residenziale in via Costa.

All’ordine del giorno è stata inserita anche la discussione di diverse mozioni, presentate dai diversi gruppi consiliari, tra le quali quella sul contrasto alla povertà educativa, sottoscritta da tutti i gruppi di maggioranza, e annunciata dal capogruppo del Pd Antonio Carpentieri in occasione della votazione sul Pug, il Piano urbanistico generale.

Le altre mozioni riguardano gli investimenti sulla sanità modenese, con particolare attenzione per le Cra (Lega Modena, Fratelli d’Italia, Forza Italia, Alternativa popolare, Modena sociale); le aree con divieto di fumo e i provvedimenti anti-mozziconi (Movimento 5 stelle); la creazione di comunità energetiche (Paola Aime); la proposta di intitolazione di uno spazio o di un bene pubblico a don Gregorio Colosio (Lega Modena, Fratelli d’Italia, Forza Italia, Alternativa popolare, Modena sociale); proposte per rendere il sistema di raccolta rifiuti efficiente ed efficace (Lega Modena, Fratelli d’Italia, Forza Italia, Alternativa popolare, Modena sociale).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *