Ciao Gialuca, il Modena ricorda Vialli

Questa mattina, 6 gennaio 2023, è purtroppo terminata l’ultima corsa di Gianluca Vialli: a 58 anni è mancato all’affetto dei suoi cari e a tutto il mondo del calcio uno dei più grandi attaccanti della storia moderna. Una carriera in campo da campione (673 partite e 259 gol, di cui 16 con la maglia azzurra; ha vinto 15 trofei da calciatore e 2 da allenatore) e un esempio per tutti dal 25 novembre 2018, quando rivelò pubblicamente il suo ultimo avversario da affrontare, un tumore al pancreas. Una partita, quest’ultima, affrontata per 5 anni a testa alta, da esempio per tutti e vincendo nel frattempo, da dirigente Figc, il titolo di campione d’Europa con la nazionale di Roberto Mancini, già suo ‘gemello del gol’ e soprattutto amico. Proprio a Londra, città che aveva scelto come residenza di famiglia e dove era ricoverato da metà dicembre, la sua corsa è terminata, restando comunque per sempre nei ricordi di una generazione e degli appassionati di sport.

Il presidente Carlo Rivetti e tutto il Modena F.C. ricordano Gianluca Vialli e sono vicini alla famiglia.

Altro grave lutto per il mondo del calcio.
E’ morto Gianluca Vialli: a 58 anni l’ex attaccante si è spento a Londra, dopo aver combattuto contro un tumore al pancreas.
La famiglia di Vialli ha confermato la morte dell’ex campione con una nota. “Con incommensurabile tristezza annunciamo la scomparsa di Gianluca Vialli – fanno sapere -. Circondato dalla sua famiglia è spirato la notte scorsa dopo cinque anni di malattia affrontata con coraggio e dignità. Ringraziamo i tanti che l’hanno sostenuto negli anni con il loro affetto. Il suo ricordo e il suo esempio vivranno per sempre nei nostri cuori”.
Il calcio piange Gianluca Vialli e la Figc per ricordarlo la Federazione ha disposto un minuto di raccoglimento da osservare prima di tutte le gare dei campionati di calcio in programma nel prossimo fine settimana.
“Ciao Gianluca”: la Juventus saluta così Gianluca Vialli, scomparso all’età di 58 anni a causa di un tumore al pancreas. Sui social, il club bianconero ha voluto omaggiare l’ex bianconero postando una foto dell’ex calciatore che alza al cielo la Champions League, dopo la vittoria nella finalissima del maggio 1996 contro l’Ajax.
Vialli: l’addio della Samp “sei stato il nostro eroe” – Calcio
“Ti ricorderemo ragazzo e centravanti implacabile, perché gli eroi son tutti giovani e belli e tu, da quell’estate 1984, sei stato il nostro eroe”. La Sampdoria ricorda così Gianluca Vialli. (ANSA)
“Quello che ha fatto per la maglia azzurra non sarà mai dimenticato”. Il presidente della Figc, Gabriele Gravina ricorda così Gianluca Vialli, scomparso oggi dopo aver combattuto a lungo con la malattia. “Sono profondamente addolorato – aggiunge Gravina – ho sperato fino all’ultimo che riuscisse a compiere un altro miracolo, eppure mi conforta la certezza che quello che ha fatto per il calcio italiano e la maglia azzurra non sarà mai dimenticato. Senza giri di parole: Gianluca era una splendida persona e lascia un vuoto incolmabile, in Nazionale e in tutti coloro che ne hanno apprezzato le straordinarie qualità umane”.
La sua Cremona si è risvegliata con la morte nel cuore, ferita da una notizia in fondo attesa ma con quella stessa attesa sempre accompagnata dalla speranza di un miracolo. Ha perso il suo campione, il capoluogo lombardo. E nei bar come in piazza del Comune, li dove anche il sindaco Gianluca Galimberti ha appreso della scomparsa di Stradivialli “con estremo dolore”, non si parla che dell’addio al lord del gol. “Il sindaco deve proclamare una giornata di lutto cittadino” si spinge a chiedere qualcuno. Per il resto, racconti e ricordi. Luca a Cristo Re, poi presto alla Cremonese. “Frutti e Vialli, che coppia, servirebbe adesso” si lascia andare qualche tifoso sospeso tra passato e presente. Piu d’uno avanza certezze: “adesso ritroverà Luzzara e Mondonico, il suo presidente e il suo allenatore”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *