West Nile, 75enne carpigiano ricoverato in ospedale

Caso di West Nile Disease, ovvero la patologia causata dall’infezione da West Nile virus, in un cittadino di 75 anni, ricoverato presso il reparto di Neurologia dell’Ospedale Ramazzini di Carpi. L’Azienda Usl spiega come difendersi dalle punture delle zanzare.

Un 75enne residente nell’Area nord a Carpi da qualche giorno è ricoverato nel reparto di Neurologia dell’ospedale Ramazzini di Carpi. Ha contratto la forma più grave della west nile, quella che richiede il ricovero in ospedale. Nlla maggioranza dei casi le persone che contraggono la West Nile non mostrano alcuna sintomatologia e l’infezione passa inosservata. Nel 20% dei casi può provocare sintomi lievi, molto simili a quelli influenzali; in meno dell’1% dei casi, provoca gravi disturbi al sistema nervoso centrale, come encefaliti o meningiti. I soggetti anziani e immunodepressi hanno più possibilità di sviluppare infezioni; oltretutto il virus può peggiorare situazioni cliniche già difficili. Proprio per questo l’Azienda Usl invita a non abbassare la guardia contro le zanzare, anche perché nel caso del virus della West Nile è proprio la zanzara comune ad esserne portatrice. Per salvaguardare la nostra salute e ridurre la probabilità di contrarre l’infezione, le misure di prevenzione più efficaci sono legate alle precauzioni individuali. Occorre ridurre il più possibile la presenza di zanzare negli ambienti chiusi, usando ove possibile insetticidi. All’aperto, soprattutto nelle ore serali, è bene indossare abiti di colore chiaro, che coprano braccia e gambe, evitare creme o profumi e fare uso di repellenti cutanei.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.