Tesser: “Da Pesaro si fa sul serio. Non siamo il Monza di due anni fa”

Il tecnico del Modena, Attilio Tesser, ha parlato oggi in conferenza streaming presentando la gara di sabato a Pesaro, contro la Vis, per la Coppa Italia. “Sappiamo cosa ci aspetta, ma noi cominceremo a fare sul serio”

“Sono sereno perchè l’esperienza mi dà tranquillità anche se sono consapevole di essere all’inizio di un percorso, spero bello ma sicuramente difficile. Pesarò sarà un bel test, sono curioso di vedere a quale punto sia la squadra, perché da sabato si comincia a fare sul serio”.
Parla di Giovannini, ultimo arrivato dal mercato. “Non lo conoscevo, ma ho potuto subito apprezzarlo. E’ molto qualitativo e può giocare in molte posizioni: io lo vedo come Mosti, dietro alle punte, perché là davanti siamo a posto. A Pesaro sarà a disposizione”

A questo proposito, mister Tesser fa la conta degli assenti e dei presenti. “Non ci sarà Scarsella per un problema all’adduttore che non gli ha permesso di allenarsi, e perché la prossima settimana ci sarà il campionato e non voglio perderlo. Ingegneri ha un problema e dobbiamo ancora decidere se schierarlo”.

L’avversario di Coppa potrebbe rendere difficile la vita al Modena. Avverte Tesser. “Non sono riuscito a trovare alcun loro video, non conosco un granché della squadra. Ha cambiato tanto anche la Vis, come noi d’altronde, ma so che ha un tecnico preparato. L’anno scorso sono state due partite impegnative per il Modena e lo sarà anche quella di sabato. Sarà la prima partita ufficiale, e vincere aiuta a rafforzare il morale del gruppo. Superare il turno può servirci in vista del campionato e di Grosseto”.

Si parla dell’attacco. “Sulla carta Ogunseye e Marotta hanno un ruolo importante, ma il salto qualitativo di una squadra si vede quando tutti i giocatori si sentono titolari. Il gruppo è forte, qui sono tutti titolari, non ho preclusioni o scelte fisse, sarà il campo a dirmi chi deve giocare. I cinque cambi a disposizione possono essere un’arma per noi: più il gruppo è forte e più le sostituzioni possono cambiare una partita”.

L’allenatore della Vis Pesaro ha detto che il Modena può essere il Monza di due anni fa. “Ringrazio per la stima, nessuno si vuole nascondere, vogliamo essere una squadra che punta a salire. Abbiamo avuto un rinnovamento importante, ma crediamo di avere una squadra competitiva fino in fondo. Ci siamo noi ma anche le tre retrocesse, una cosa mai successa che fossero nello stesso girone. Guardate bene le loro rose: l’Entella ha una squadra importante per la serie B, così come la Reggiana e il Pescara. Ai tempi del Monza c’era solo la squadra brianzola, e non me ne vogliano le altre: noi siamo una di quelle quattro o cinque squadre che lotteranno per il campionato. Penso che il nostro sarà il girone più difficile di tutti. Qui dobbiamo remare nella stessa direzione. Ho visto i tifosi a Fanano e sono molto passionali e carichi. Castiglia e Costantino? Domani non saranno convocati. E’ una decisione della società”.

AUDIO CONFERENZA STAMPA

VIDEO CONFERENZA STAMPA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *