Vaira e Rivetti: “Budget di spesa rispettato, siamo sotto i 5 milioni di euro”

“La cifra è al lordo e non include l’ingaggio del tecnico Tesser. Il presidente alla fine ha dato l’ok per sforare dal nostro preventivo di spesa per portare Tremolada, che però è arrivato a parametro zero e il costo è quell’ingaggio”
Il diesse del Modena Davide vaira, assieme all’amministratore Matteo Rivetti che su richiesta dei giornalisti ha fatto le cifre sui costi dell’annata, si è soffermato sulla campagna acquisti e cessioni della squadra.

Sul mercato il diesse gialloblù ha detto: “E’ stato un mercato importante, sono soddisfatto per quello che siamo riusciti a fare. Gli obiettivi sono atati tutti centrati, siamo riusciti a portare al Modena tutte prime scelte, non abbiamo mai dovuto rinunciare a qualche giuocatore per prenderne altri che fossero seconde scelte. Modena è una piazza importante ed ambita, il resto l’ha fatto il nome della proprietà, che ha avuto un peso importante quando i giocatori hanno dovuto scgliere Modena rispetto ad altre squadre.
Ora la parola passa al campo, siamo convinti di aver costruito una rosa forte, competitiva e vincente nel presente ma anche in futuro, perchè molti di quelli che sono arrivati sono giovani sui quali si può puntare in propspettiva. Tutti i ragazzi sono di proprietà, compresi i giovani e hanno contratti pluriennali. Non siamo costretti a vincere, diciamo che abbiamo l’ambizione di provare a vincere. Noi siamo il Modena e chi lavora qui non può nascondersi perché rappresentiamo una società e una città importantissima. La nostra squadra può giocarsela con tutti, è forte, ne sono convinto. Allo stesso tempo so che sarà complicato. Dovremo battagliare dappertutto, con umiltà ed entusiasmo. La dimostrazione di ciò sono le partite di Pesaro e Grosseto. Se faremo il percorso giusto saremo lassù, noi ci crediamo e sarà fondamentale restare compatti e uniti. Abbiamo cercato uomini con determinate caratteristiche. Conta l’obiettivo comune e noi crediamo in ogni giocatore. Nessuno deve sentirsi titolare e pensare di giocare tutte le partite, qui sono tutti importanti alla stessa maniera. La stagione è lunga e tutti avranno il loro spazio per dimostrare il proprio valore”. Sul derby il diesse ha detto. “Non vedo l’ora, ho grande fiducia nella squadra e nel mister. Siamo contenti di rivedere i tifosi al Braglia e siamo sicuri che saranno il nostro dodicesimo uomo. Quando poteva entrare il pubblico e sono venuto a Modena mi sono reso conto di quanto sia importante, mi sembrava di essere in uno stadio all’inglese, il pubblico spinge tantissimno”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.