Tesser: “Non sono preoccupato e i mugugni non ci aiutano” (video)

Il tecnico del Modena presenta la sfida con il Teramo e fa il punto dopo le prime due giornate e chiede appoggio e fiducia da parte dell’ambiente.

Nel pre partita di Modena-Teramo il tecnico del Modena parla dell’ambiente e del clima che si respira dopo due pareggi consecutivi nelle prime due giornate. “Non ho mai illuso nessuno – afferma – siamo una squadra completamente nuova e sapevo che ci sarebbe stato bisogno di un po’ di tempo. I tifosi nel derby sono stati straordinari, ma devono sapere che non si possono dare giudizi definitivi, neanche dopo la quinta giornata. Non vuol dire che ci va bene cosi, noi dobbiamo provare a vincere ogni partita, ma personalmente non sono preoccupato del distacco dalla prima. Non possiamo vincerle tutte, così è anche per le altre. Dobbiamo provare a vincere, ma qui nulla è scontato. Servono sei o sette partite per trovare equilibrio e mentalità di squadra. I mugugni creano tensioni pensioni che non aiutano. Dobbiamo andare avanti per la nostra strada cercando di lavorare al meglio in settimana”
Infine, un commento sullo stato di forma di Luca Tremolada: “Lo considero al 60/70% della sua condizione ottimale, tra un paio di settimane sarà sicuramente al meglio come tanti altri”. Attilio Tesser spiega che partiranno gli undici che hanno giocato inizialmente il derby. “Ho bisogno di trovare una certa personalità da parte della mia squadra e lo posso fare solamente scegliendo un blocco. Eppoi alcuni giocatori che sono arrivati dopo devono trovare la miglior condizxione e possono farlo solo giocando. Voglio esperienza e personalità, a livello di approccio e di mentalità porto avanti i giocatori che hanno giocato contro la Reggiana”. Parla del Teramo. “Ho visto le loro partite e in particolare con l’Entella il Teramo ha fatto la partita, ha avuto quattro o cinque palle-gol, i liguri hanno vinto 2-0 ma senza mai tirare in porta, con reti derivate da azione da fermo. Ha giocato nello stesso modo anche contro il Siena. E’ una squadra sbarazzina che gioca in avanti. Chi pensa che il teramo verrà a Modena a difendersi si sbaglia. E’ una squadra giovane, dinamica e superoffensiva. IL Teramo pressa molto puntando su dinamismo e aggressività. Al di là di questo, dipenderà tutto da noi. Per le nostre caratteristiche dobbiamo fare la partita e non subirla cercando di prendere in mano il gioco e di agire soprattutto nella loro metà campo, bisogna avere una mentalità vincente, il Modena deve giocare in avanti. Con cattiveria e determinazione dobbiamo fare bene noi quello che ci aspetta. Bisogna avere un’autostima che fino ad oggi non abbiamo avuto”. Sulla formazione: “Abbiamo recuperato Ciofani, ma non Renzetti e Silvestri. Io comunque ho fiducia di tutti quelli che fanno parte della rosa e tengo tutti in considerazione, anche i giovani”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.