14 CHILI DI DROGA SEQUESTRATI E 50 MILA EURO IN CONTANTI: ARRESTATI SETTE SPACCIATORI

operazione a cui hanno preso parte 50 Carabinieri del Comando Provinciale di Modena con tre unità cinofile antidroga appositamente fornite dai Nuclei Carabinieri Cinofili di Firenze e Bolzano.

Sette persone arrestate, sei già in carcere e una ai domiciliari, sequestrati un chilo di cocaina, 12 di hashish e 1 di marijuana, oltre alla somma di 50 mila euro in contanti. Questo il risultato di un’operazione a cui hanno preso parte 50 Carabinieri del Comando Provinciale di Modena con tre unità cinofile antidroga appositamente fornite dai Nuclei Carabinieri Cinofili di Firenze e Bolzano. L’accusa nei confronti delle persone arrestate è di associazione
finalizzata allo spaccio di sostanze stiupefacenti. L’indagine è partita da due procedimenti penali della Procura di Modena, relative a trattative per la compravendita di armi da fuoco di provenienza illecita, che vedevano coinvolte persone ritenute vicine a clan casalesi, attive nella provincia di Modena. Appartenevano ad una vera e propria associazione criminale, composta da italiani ed albanesi che fornivano lo stupefacente che gli italiani spacciavano al dettaglio o rivendevano ad altri spacciatori. Il gruppo criminale poteva contare su una solidità finanziaria derivante da attività passate nel narcotraffico. I sette avevano a disposizione diverse basi logistiche, in cui stipare, dividere, spacciare lo stupefacente e incontrare clienti e fornitori, e di un parco auto in cui nascondere e trasportare la droga. In una circostanza, il gruppo era anche riuscito a far arrivare fino in carcere, a uno degli indagati, un telefono cellulare con il quale dalla cella riusciva a gestire il traffico di stupefacenti dando disposizioni agli altri sodali.
Ai vertici dell’organizzazione, un italiano ed un albanese, che gestivano l’approvvigionamento, la custodia, il contatto con gli acquirenti e la cessione dello stupefacente, fino ad assicurare il sostegno economico alle famiglie degli associati tratti in arresto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.