Dionisi: “Con l’Empoli più difficile che contro la Juve”

L’ex di turno presenta la sfida di oggi al Mapei. “A Torino la partita si preparava da sola, adesso dobbiamo dimostrare che i complimenti non ci hanno tolto le motivazioni e non ci hanno assuefatto”

Dopo aver battuto la Juventus a casa propria e nonn era mai accaduto nella storia, per Dionisi un altro tuffo al cuore: oggi al mapei arriva l’Empoli, che lui ha portato in serie A lo scorso anno dopo un’eccezionale cavalcata. “arriva l’Empoli, una squadra che conosco abbastanza bene, ha valori importanti, non solo tecnici, ma anche morali, ha fatto più punti fuori casa che in casa, ha vinto tre trasferte su quattro, trova il gol con facilità, ha tanti giocatori offensivi bravi, dovremo rispettarla e soprattutto dare una risposta vera a noi, in un momento sicuramente positivo, al quale va data continuità. Sta a noi dimostrare che non siamo assuefatti dai tanti complimenti e dal risultato, insperato da tanti, me compreso, con la Juve. La terza gara in otto giorni, ma Dionisi non teme la stanchezza. “La terza partita in una settimana riserva sempre insidie, ancor di più per l’avversario che affronteremo e per quello che abbiamo vissuto nelle due gare precedenti. Per molti aspetti questa sfida è più difficile rispetto a quella con la Juve, a livello motivazionale la partita di Torino non andava neanche preparata. Questa va preparata tecnicamente, tatticamente, e anche a livello motivazionale. Non siamo stanchi, siamo motivati”.

Intervista a mister Dionisi prima di Sassuolo-Empoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.