Azzi, fortissimamente Azzi!!!!

Il campioncino brasiliano trascina il suo Modena alla vittoria in casa del Siena (2-1) pur giocando in un ruolo non suo, e segna anche il gol del 2-0 dopo una irresistibile progressione. Attorno a lui si stringe un Modena un po’ affaticato ma che trova le energie per uscire dal Franchi con i tre punti, pur soffrendo nel finale.

TABELLINO
SIENA-MODENA 1-2
Reti: 42′ Tremolada, 50′ Azzi, 55′ Disanto
Siena (4-3-3): Lanni; Mora, Conson (88′ Karlsson), Milesi (72′ Terigi), Favalli; Bianchi, Pezzella (56′ Montiel), Acquadro; Guberti (56′ Caccavallo), Varela (88′ Cardoselli), Disanto. A disposizione: Mataloni, Farcas, Marcellusi, Darini, Bani, Conti, Peresin. All. Maddaloni
Modena (4-3-2-1): Gagno; Ciofani, Silvestri, Pergreffi, Renzetti; Armellino, Gerli, Scarsella (86′ Baroni); Mosti (79′ Di Paola), Tremolada (66′ Duca); Azzi. A disposizione: Narciso, Maggioni, Rabiu, Castiglia, Crispino, Bonfanti. All. Tesser
Arbitro: Giordano di Novara
Ammoniti: Varela, Mora, Disanto, Terigi, Ciofani, Gagno, Favalli, Gerli

Quinta vittoria consecutiva, la sesta nelle ultime sette partite: il Modena vola sulle ali di Paulo Azzi, il brasiliano che in pochi conoscevano e che ricorda la storia (romanzata) di Aristoteles (anche lui brasiliano) nel film di Lino Banfi nel ‘L’allenatore nel pallone’, che l’allenatore Canà andò a vedere su un campetto brasiliano e lo portò in Italia. Aristoteles, pur con la saudade dei brasiliani, alla fine trascinerà alla salvezza con i suoi gol la Longobarda. Ora i tifosi canarini si augurano che la storia si ripeta, questa volta dal vero, e che Azzi possa portare il Modena in B. Vero, lui non è un attaccante, ma un esterno; Aristoteles nella commedia lo era, ma oggi a fine partita azzi ha confidato che da piccolo, in brasile, suo papà lo aveva indirizzato nel ruolo di attaccante. Ha le gambe velocissime, quando parte non ce n’è per nessuno, ma oggi ha dimostrato di sapersela cavare bene anche quando è in area, e il gol del 2-0 è una perla che resterà nella mente dei tifosi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *