Controlli della Polizia a San Geminiano, 106 identificati, 26enne in quarantena denunciato

Nella giornata di ieri a Modena, in occasione della ricorrenza della festività di San Geminiano, Patrono di Modena, sono stati organizzati servizi specifici di prevenzione e vigilanza in tutto l’area del centro storico interessata dall’evento, cui hanno concorso pattuglie appiedate di Polizia di Stato, Carabinieri e Guardia di Finanza, in coordinamento con il Piano di presidio e controllo della Polizia locale.

Contestualmente, nel pomeriggio, la Squadra Volante, con il rinforzo del Reparto Prevenzione Crimine della Polizia di Stato proveniente da Reggio Emilia, ha pattugliato a medio raggio le zone limitrofe al centro cittadino, ponendo particolare attenzione ai parchi Ducale, Pertini e Novi Sad.

Nell’ambito dell’attività sono state effettuate anche verifiche, sia di carattere amministrativo che relative al rispetto delle norme anticovid, all’interno di alcuni esercizi pubblici, estese agli avventori, e posti di controllo lungo le principali strade in entrate ed uscita dal capoluogo, per monitorare i flussi veicolari e appiedati.

106 le persone complessivamente identificate e 35 gli automezzi controllati.

Un uomo di 24 anni è stato denunciato in stato di libertà ai sensi dell’art. 260 del Regio Decreto 27 luglio, n. 1265, in quanto durante un controllo avvenuto in corso Vittorio Emanuele II è risultato sottoposto a obbligo di quarantena, perché positivo al covid-19.

Grazie all’immediato intervento degli agenti sono state scongiurate conseguenze più gravi a seguito di una lite avvenuta nel primo pomeriggio tra conviventi nei pressi della stazione ferroviaria e una tra avventori e titolare di un negozio etnico del centro, in serata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.