Dal Consiglio Comunale / Risorse ai gruppi consiliari, confermato il calo dei fondi

L’Assemblea ha approvato all’unanimità la delibera che assegna anche quest’anno contributi per 40.800 euro per l’attività istituzionale del 2022

I nove gruppi consiliari del Consiglio comunale di Modena riceveranno complessivamente per il loro funzionamento nel 2022 un contributo di 40.800 euro, confermando la cifra dell’anno scorso, quando era stata applicata una riduzione del 20 per cento rispetto ai fondi assegnati nel 2020 con l’obiettivo di contribuire a ridurre le spese dell’ente in una fase più complessa della pandemia da Coronavirus. L’Assemblea, infatti, ha approvato all’unanimità, nella seduta di giovedì 24 marzo, la delibera che assegna le risorse finanziarie per l’attività istituzionale dei gruppi, illustrata in aula dal presidente Fabio Poggi.

I fondi possono essere utilizzati esclusivamente per le spese riconducibili alle attività dei gruppi, opportunamente rendicontate, secondo quanto riportato dalla “Disciplina dell’utilizzo delle risorse finanziarie da parte dei gruppi consiliari e procedura di attribuzione dei fondi”. In particolare, sono indicate a titolo esemplificativo le spese per la promozione istituzionale del gruppo e per il suo funzionamento; quelle per attività di aggiornamento, studio e documentazione; quelle per la partecipazione a iniziative connesse al ruolo istituzionale del gruppo e quelle per la comunicazione.

Per il 2022, dunque, la quota fissa assegnata a ognuno dei nove gruppi consiliari è pari a 2.267 euro (per un totale di 20.400 euro). La quota per ciascun consigliere, calcolata suddividendo per 32 la cifra restante di 20.400 euro, ammonta a 637,5 euro. Il gruppo del Pd avrà quindi a disposizione 11.829 euro (15 consiglieri); Lega Modena 5.454 euro (cinque consiglieri); Movimento 5 stelle e Sinistra per Modena 4.179 euro ciascuno (tre); Fratelli d’Italia – Popolo della famiglia 3.542 euro (due). Infine, i quattro gruppi Forza Italia, Europa verde – Verdi, Modena civica e Modena sociale, di cui quest’ultimo costituito nel settembre del 2021, potranno usufruire di 2.904 euro ciascuno (uno).

Inoltre, la delibera prevede anche la possibilità, per i gruppi consiliari, di effettuare spese pluriennali per servizi che comportino l’assunzione di impegni di spesa entro la fine del 2022, che cominciano quindi quest’anno per proseguire nel 2023, purché l’importo previsto per l’anno prossimo non sia superiore al 60% delle risorse assegnate quest’anno a ciascun gruppo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.