A Zocca con Vasco e Velasco (video)

nel centro dell’appennino dall’8 giugno i raduni delle nazionali juniores maschili di pallavolo. Si parte con la Nazionale Under 18. Il Blasco ha promesso una visita agli azzurri durante il raduno.


(foto di gruppo da sinistra Federico Ropa, sindaco del Comune di Zocca, Alessandro Clò, presidente comitato Fipav provinciale di Modena, Sara Sandrolini, assessora allo sport del Comune di Zocca, Julio Velasco, direttore tecnico settore giovanile Fipav, Luca Rigolon, consigliere comitato Fipav Emilia-Romagna, Eugenio Gollini, consigliere federale Fipav)

Sono in programma quest’estate a Zocca i raduni delle nazionali juniores maschili di pallavolo, che partiranno il prossimo otto giugno e proseguiranno fino a settembre. Il primo appuntamento previsto è dall’otto giugno con il collegiale della nazionale under 18 in vista dei campionati Europei di categoria che si svolgeranno dal 9 al 17 luglio a Tbilisi in Georgia, mentre successivamente si alterneranno gli allievi dell’under 16 e dell’under 20, in un calendario di appuntamenti che proseguirà fino alla fine dell’estate.

A guidare il raduno dei giovani atleti ci sarà Julio Velasco, direttore tecnico del settore giovanile della Federazione italiana pallavolo e pluripremiato allenatore della nazionale maggiore e della Panini di Modena.

Il maestro Velasco sottolinea che «sono molto felice di avere le tre nazionali insieme ospitate in una località che gode di un buon clima e di ottime strutture sportive: il palazzetto, la polivalente, la sala pesi, la piscina».

I ragazzi e gli staff tecnici alloggeranno all’hotel Joli in centro a Zocca e si alleneranno al palazzetto dello sport e al Palaverdi, a porte aperte, offrendo la possibilità ad allenatori e appassionati di assistere alle sessioni di allenamento.

Per l’amministrazione comunale di Zocca «si tratta di un grande successo e segnale dell’attenzione verso l’attività sportiva e la pallavolo. Negli anni abbiamo avuto l’onore di ospitare federazioni come la Fis, la nazionale cubana di pallavolo, il Bologna fc, la Daytona las Modena, e siamo sicuri che questo rappresenti un volano per l’intero territorio, con un forte rilancio del turismo estivo».

Per Eugenio Gollini, consigliere federale Fipav «La Regione Emilia-Romagna e la Federazione italiana pallavolo hanno intrapreso un percorso condiviso per il prossimo triennio per portare su tutto il territorio regionale molteplici attività ed eventi di pallavolo indoor, beach volley e sitting volley. L’ospitalità dei ritiri estivi delle squadre giovanili maschili della nazionale a Zocca – conclude Gollini – rientra in questa progettualità>>.

Oltre ai collegiali, nei primi tre weekend di giugno, Zocca ospiterà anche la selezione regionale maschile. «Ospitare i raduni delle selezioni regionali, contestualmente ai ritiri delle nazionali giovanili – commenta Silvano Brusori, presidente del comitato Fipav Emilia-Romagna – offrirà ai ragazzi un’occasione di crescita sportiva e umana».

Dal 23 al 26 giugno, inoltre, è in programma un master teorico-pratico sull’attività giovanile di alto livello, riservato agli allenatori degli atleti azzurri e condotto dal professor Julio Velasco.

Anche Alessandro Clò, presidente del comitato Fipav provinciale di Modena, sottolinea «l’importanza di questa iniziativa, che rappresenta il risultato di una forte azione di promozione e radicamento sul territorio della pallavolo e un’opportunità per l’intero movimento modenese».

I ragazzi si alleneranno principalmente al palazzetto dello sport, predisposto per ospitare fino a tre campi regolamentari e con una tribuna con accesso indipendente da 300 posti a sedere. Nella stessa struttura la Federazione ha allestito una attrezzata sala pesi.

JULIO VELASCO GUIDA IL SETTORE GIOVANILE NAZIONALE

IL TECNICO ARGENTINO VOLTO NOTO DEI SUCCESSI MODENESI

Julio Velasco è nato a La plata in Argentina nel 1952. Nel 1983 arriva in Italia per allenare a Jesi e nel 1985 passa ad allenare la Panini Modena dove inizia un ciclo di successi vincendo lo scudetto per quattro anni consecutivi fino al 1989. Sempre durante questi anni vince tre Coppa Italia e una Supercoppa Italiana.

Nella stagione 1986/87, con la Panini ha vinto a sorpresa il secondo scudetto consecutivo senza stranieri in campo e con dei giovani come i diciottenne Bernardi, il ventunenne Cantagalli e i ventiduenni Vullo e Ghiretti. Il terzo e il quarto scudetto, la Panini li ha vinti con un solo straniero. Nel 1989 diventa allenatore della nazionale italiana maschile e vince il campionato europeo a Stoccolma. Per l’Italia si tratta del primo titolo della sua storia.

Nel 1990 conquista l’oro nella World League ed il primo Mondiale vinto per la nazionale italiana con la storica finale di Rio contro Cuba. Giunge anche l’oro nel World top four in Giappone.

Nel 1991 ottiene la medaglia d’oro nella World League e quella d’argento agli Europei. Nel 1992 conquista il terzo oro consecutivo nella World League che si disputò dopo le olimpiadi di Barcellona dove la nazionale non arrivò sul podio ma si distinse per lo stile e la capacità di gestire una sconfitta così importante.

Nel 1993 è ancora oro agli europei in Finlandia e bronzo nelle finali World League in Brasile. Nel 1994 arriva la vittoria nel secondo mondiale ad Atene ed è ancora una medaglia d’oro nella World League. Nel 1995 oro in World League in Brasile e agli europei in Grecia.

Nel 1996 ottiene la medaglia d’argento olimpica conquistata ad Atlanta, il podio nella World League e il secondo posto nella finale di Rotterdam. Nel 1997 e 1998 passa ad allenare la nazionale femminile gettando le basi per i futuri successi anche in quel campo.

Nel mondo del calcio, nel 1998 entra come dirigente sportivo prima con la Lazio e poi con l’Inter, poi nel 2001 torna su una panchina della nazionale della Repubblica Ceca.

Il ritorno ai club italiani di serie avviene nel 2003 prima a Piacenza, poi Modena e nella stagione 2006-2007 Montichiari, mentre con le altre nazionali nel 2009 allena la Spagna con cui partecipa al mondiale in Italia nel 2010 e quella dell’Iran, con cui vince 2 campionati Asiatici nel 2011 e nel 2013, oltre a dare un forte impulso alla pallavolo in Iran.

Sempre nel 2013 conquista per la prima volta la partecipazione alla World League. Inoltre in panchina con la nazionale Argentina nel 2014 diventa primo allenatore della sua nazionale a vincere i giochi panamericani.

Nel 2015 torna ad allenare Modena e subito vince nella stagione 2018-2019 la supercoppa italiana. Al termine della stagione lascia Modena e contestualmente comunica la sua decisione di smettere di allenare.

Velasco è l’unico allenatore della storia ad aver vinto tornei continentali in due paesi diversi, tre europei con Italia e due asiatici con Iran e ad aver vinto in tre continenti.

Nel giugno del 2019 la Federazione italiana pallavolo gli propone l’incarico di direttore tecnico del settore giovanile maschile.


(intervista audio con Julio Velasco)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.