Scritte no vax alla Camera del Lavoro di Mirandola

‘Sindacato nazista’ e ‘Se non puoi dire no sei schiavo’. Di questo tenore il contenuto di alcune scritte comparse stamattina sulle pareti esterne della Camera del Lavoro di Mirandola, in provincia di Modena.

Gli autori hanno ‘firmato’ le frasi dal colore rosso con la dicitura ‘Vivi’, la stessa che contraddistingue alcuni gruppi no vax nati sui social, in particolare su Telgram. La Cgil ha immediatamente indetto un presidio in mattinata.
“Le scritte fasciste sulle Camere del Lavoro – dice Marco Bottura, coordinatore della Cgil Area Nord – si inseriscono in un contesto che raccoglie malesseri e malumori di persone che non sanno più che cos’è una democrazia, non sanno cosa sia uno stato totalitario, non sanno da dove viene la libertà di parola, di voto, di associazione. Si tratta di gente senza storia né memoria in cui la realtà è un gioco, non importa quanto pericoloso e non importa dove possa portare”, conclude Bottura.

SCRITTE SULLA SEDE CGIL DI MIRANDOLA, SOLIDARIETÀ DA MODENA

Il sindaco Muzzarelli ha ribadito che i sindacati sono garanzia di libertà e tutela del lavoro

Il sindaco di Modena Gian Carlo Muzzarelli ha espresso solidarietà alla Cgil per le ennesime scritte oltraggiose su di una sede del sindacato, questa volta a Mirandola. Ribadendo che “i sindacati rappresentano una garanzia di libertà e tutela del lavoro, parte fondamentale della nostra democrazia”, Muzzarelli si è augurato che “i responsabili vengano individuati al più presto”.

Anche in questo caso, come a inizio maggio a Modena, le scritte riportano il simbolo di un sedicente movimento no vax e richiamano alla memoria l’assalto a Roma della sede del sindacato in ottobre da parte di esponenti no vax e neofascisti durante le manifestazioni contro il green pass.

L’Amministrazione comunale di Mirandola esprime la propria vicinanza alla Cgil Mirandola, dopo l’imbrattamento avvenuto nottetempo presso la sede del sindacato mirandolese, stigmatizzando e condannando il vile gesto. Il Sindaco è passato personalmente per verificare quanto accaduto.

Scritte No Vax sui muri della Cgil di Mirandola. Solidarietà da Confesercenti Area Nord
In merito alle scritte No Vax, apparse la scorsa notte sui muri della sede della Cgil di Mirandola, Confesercenti Area Nord condanna fermamente il gesto

Un gesto inqualificabile e molto grave, secondo Confesercenti Area Nord: “Esprimiamo piena solidarietà alla Cgil di Mirandola per quanto accaduto la scorsa notte. Sono atti vili che promuovono la violenza e che vanno a intaccare la democrazia”.

A un mese di distanza dall’analogo fatto avvenuto ai danni della sede modenese della Cgil, Confesercenti si dice preoccupata e ribadisce la necessità di salvaguardare la democrazia: “Nel nostro paese non possono e non devono trovare spazio intimidazioni e violenze del genere, ci auguriamo che i responsabili vengano individuati e che azioni come quelle di Mirandola e di Modena non avvengano più” conclude Confesercenti Area Nord.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.