Elezioni comunale e referendum, ecco il vademecum

Segii aperti solo domenica 12 dalle 7 alle 23

Il 12 giugno i modenesi torneranno al voto. Urne aperte dalle 7 alle 23 per il referendum sulla giustizia e per l’elezione dei nuovi sindaci in tre comuni della nostra provincia. Per quanto riguarda il referendum, tutti i cittadini maggiorenni sono chiamati a votare su cinque quesiti in tema giustizia. Ogni quesito, per essere valido, deve raggiungere il quorum, ovvero deve recarsi alle urne la metà più uno degli aventi diritto. a Modena sono 134.023 i cittadini chiamati al voto. Tra questi i diciottenni sono in totale 669. Gli elettori dovranno presentarsi al seggio con un documento di identità o riconoscimento e con la tessera elettorale. Nei seggi non è obbligatorio, nelle disposizioni del Ministero, ma raccomandato l’utilizzo della mascherina chirurgica, eventualmente da abbassare su richiesta per il riconoscimento; deve essere rispettato invece il distanziamento fisico di almeno un metro e bisogna igienizzare le mani; le schede andranno inserite personalmente nelle rispettive urne dopo il voto. Potranno inoltre votare anche i pazienti ricoverati negli ospedali dell’Azienda Ospedaliero Universitaria di Modena, dell’Azienda USL e all’Ospedale di Sassuolo S.p.A, provvisti di tessera elettorale. Gli elettori affetti da gravi infermità possono essere accompagnati in cabina da un altro elettore della propria famiglia o comunque da un elettore liberamente scelto. I cittadini in condizioni di isolamento per Covid-19, potranno invece fare richiesta per essere ammessi al voto domiciliare che sarà raccolto, previo contatto telefonico, nella fascia oraria dalle 7 alle 23 di domenica. Contestualmente al referendum urne aperte anche a Bomporto, Novi e Castelnuovo per l’elezione dei nuovi primi cittadini. Si vota con una sola scheda per eleggere sia il sindaco che i consiglieri comunali. Sulla scheda è già stampato il nome del candidato sindaco, con accanto il contrassegno dell’unica lista che lo appoggia. Il voto si esprime tracciando un segno sul contrassegno della lista o sul nominativo del candidato sindaco. Non è possibile votare per un candidato alla carica di sindaco diverso da quello collegato alla lista. Viene eletto il candidato che ottiene il maggior numero di voti. In caso di parità tra due candidati si tornerà a votare per questi ultimi il 26 giugno. A Bomporto sono in lizza Tania Meschiari, Laura Gelatti e Salvatore Milone; Castelnuovo vede correre Alessandro Boni contro il sindaco uscente Massimo Paradisi. A Novi Enrico Diacci tenta il bis, l’avversario è Marco Ferrari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.