Elicottero scomparso / Ritrovato aereo scomparso. 5 deceduti a bordo

Si cercano gli altri due corpi, tra i quali quello del pilota veneto. Proseguono le ricerche attorno ai detriti, soprattutto per capire se altri due corpi si trovino eventualmente sotto i resti dell’elicottero. Indagano i Carabinieri di Lucca. non si esclude che la procura toscana apra un fascicolo per disastro colposo
Ore 13
Ritrovati i resti dell’aereo scomparso dai radar giovedi scorso mentre attraversava la zona dell’Appennino modenese e tosco emiliano, diretto in veneto. Un elicottero HH 139 del 157mo stormo dell’Aeronautica militare – ha fatto sapere poco fa la Prefettura di Modena in una nota – ha individuato alcuni rottami di un elicottero in un vallone sul crinale dell’Appennino modenese-reggiano, tra il Rifugio Battisti e la località Segheria. Sul velivolo di soccorso, riferisce, erano presenti uomini del soccorso alpino e speleologico e uomini del soccorso alpino della guardia di finanza che si sono calati con un verricello. L’individuazione è stata possibile a seguito del rinvenimento di alcuni alberi bruciati e di alcuni resti metallici. Sul posto stanno convergendo tutte le forze a disposizione, sia a piedi che trasportate da elicotteri.

A bordo dell’elicottero c’erano in totale sette persone. Il pilota, veneto, Corrado Levorin, e sei passeggeri, quattro manager turchi e due libanesi: Kenar Serhat, Cez Arif, Ilker Ucak, Erbilaltug Bulent, Chadi Kreidy e Tarek El Tayak.

Da quanto appreso, è stato un escursionista, che si trovava a terra nell’area del Cusna), a segnalare ai soccorritori probabili resti dell’elicottero. L’area interessata è quella tra il Rifugio Battisti e Segheria. Sul posto si stanno recando squadre da terra e anche un elicottero per calare personale.

I RESTI DI 5 PERSONE

Individuati cinque cadaveri tra coloro – sette in tutto – che erano a bordo dell’elicottero scomparso giovedì mattina sull’Appennino tosco-emiliano e i cui resti sono stati avvistati oggi sul monte Cusna, cima reggiana. È quanto si apprende dai primi soccorritori sul posto. L’elicottero si sarebbe schiantato sul greto di un torrente, il Lama, al passo degli Scaloni, 1.922 metri d’altitudine, a due chilometro dal rifugio Segheria. La zona è particolarmente impervia. Sul luogo dell’impatto Aeronautica militare, Soccorso alpino, Guardia di finanza, Carabinieri di Castelnovo Monti. Area sotto sequestro. Proseguono le ricerche attorno ai detriti, soprattutto per capire se altri due corpi si trovino eventualmente sotto i resti dell’elicottero.

Le ricerche del mezzo erano riprese alle 7 circa di questa mattina, sotto il coordinamento di Aeronautica militare e Prefettura. Del mezzo si sono perse le tracce giovedì mattina sull’Appennino tosco-emiliano. Il velivolo era partito dall’aeroporto di Capannori Tassignano (Lucca) ed era diretto nel Trevigiano.

L’elicottero, ingaggiato da un’azienda emiliana, da qualche giorno faceva la spola tra Toscana e Veneto per portare alcuni manager stranieri, quattro imprenditori turchi e due libanesi, in visita in alcune aziende, in concomitanza con una importante fiera sulla carta a Lucca. Di origine veneta il pilota.

IL VOLO NEL TEMPORALE – Ci sarebbe un video, un breve filmato di pochi secondi inviato via chat da uno dei sei passeggeri a suo figlio, che documenterebbe il volo dell’elicottero nel mezzo di un violento temporale. il destinatario del filmato – il figlio di uno dei due manager libanesi a bordo – non lo ha diffuso, a fronte delle indagini in corso. nel video, di una ventina di secondi, mandato al figlio in Libano verosimilmente prima del blackout che ha inghiottito l’elicottero, si vedrebbe il volo durante una tempesta. Un dettaglio che, come altre tracce, è al vaglio delle forze impegnate nelle ricerche. Giovedì, al momento del presunto schianto dell’elicottero, le condizioni meteo su quell’area di Appennino tra Toscana ed Emilia erano avverse: il crinale era stato investito da una tempesta di pioggia, fulmini e grandine.

Ore 9.30
Svolta nelle ricerche dell’elicottero risultato irrintracciabile da giovedì scorso. Sono stati ritrovati detriti e un cratere compatibili con il veicolo scomparso sul Monte Cusna, cima dell’Appennino reggiano. L’avvistamento è avvenuto da parte di un elicottero della Guardia di Finanza, nei dintorni del rifugio Battisti.

Si stanno concentrando sul monte Cusna, cima dell’Appennino reggiano, le operazioni di ricerche dell’elicottero scomparso giovedì mattina. In questa area, a quanto appreso, sono stati individuati un cratere e dei detriti che potrebbero essere compatibili con i resti del velivolo. Sarebbe stato un uomo, che si trovava a terra nell’area del monte Cusna (Reggio Emilia), a segnalare ai soccorritori i probabili resti dell’elicottero. L’area interessata è quella tra il Rifugio Battisti e Segheria. Sul posto si stanno recando squadre da terra e anche un elicottero per calare personale.

Le ricerche
Le ricerche erano riprese dalle 7 circa di questa mattina sotto il coordinamento di Aeronautica militare e Prefettura di Modena. Il velivolo, con sette persone a bordo (sei passeggeri e il pilota), era partito dall’aeroporto di Capannori Tassignano (Lucca) ed era diretto nel Trevigiano.
(NOTIZIA IN AGGIORNAMENTO)

ULTIMA ORA
Ritrovato aereo scomparso. 5 persone decedute.


Ansa / Us/ Soccorso alpino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.