Ecco il nuovo logo istituzionale del Modena, i tifosi sui social non apprezzano (video)

il presidente Rivetti: “Il canarino è il nostro simbolo, fa da sempre parte della storia. Il doppio salto? Non ci penso”


(presentazione nuovo logo istituzionale del Modena)


(Il video realizzato dal Modena Fc)

Con un suggestivo video lanciato sui social il Modena Fc calcio ha presentato alla stampa e di conseguenza agli sportivi il nuovo logo del Modena calcio per il campionato di serie B che inizierà ad agosto. Il nuovo logo era nascosto dietro i teli di due pannelli alla spalle dei tre dirigenti che hanno partecipato alla presentazione (Carlo, Matteo e Mattia Rivetti). I teli sono stati subito scoperti e, sorpresa, è uscito un canarino stilizzato di giallo e con il becco aperto. da oggi prende il posto dello storico stemma. Un canarino stilizzato che comparirà d’ora in poi su tutto ciò che sarà Modena Fc, quindi anche nel merchandising.

Il primo a prendere la parola è stato il presidente Carlo Rivetti: “Il rebranding è importante e difficile, cambiare è necessario ma abbiamo voluto volgere lo sguardo al futuro legandoci ancora più saldi al nostro passato e alla nostra storia. Il canarino fa da sempre parte della storia, è un simbolo in cui tutti i tifosi si sono sempre riconosciuti, con cui anche il resto del mondo adesso imparerà a conoscerci. Questo ci permette di dare vita a un nuovo branding riconoscibile, proprietà di Modena e di tutto il suo territorio. Per noi volare non è un sogno, ma una necessità, proprio come il nostro canarino; insieme ai tifosi siamo pronti a volare con lui. Modena sta esplodendo dal punto di vista turistico ed è famosa nel mondo per le sue eccellenze, macchine, aceto… speriamo di crescere anche noi e di far volare questo canarino il più lontano possibile.

“Il canarino è tornato a casa – ha detto il presidente – perché i canarini siamo noi. Il mondo imparerà a conoscere Modena. La società ovviamente è ambiziosa, altrimenti io non farei il mestiere che faccio. Abbiamo avuto oltre 7 milioni di visualizzazioni sul sito della Fifa. Modena sta esplodendo con il turismo e grazie ai suoi prodotti d’eccellenza. Speriamo di inserirci anche noi, e far volare alto questo canarino. Sarà il logo istituzionale e comparirà sulle magliette”.

Il presidente Rivetti ha affrontato anche altri temi, sollecitato dalle domande dei giornalistiL. Per quanto rigurda l’inno ci abbiamo già pensato ma non abbiamo trovato una soluzione. sono arrivate tante proposte, ma ancora niente ci ha soddisfatto. Prossimi passi? Finalizzare una campagna acquisti che sta cominciando a muoversi. Abbiamo iniziato i lavori allo stadio, stiamo rinforzando la struttura societaria. Il prossimo campionato sarà un mondo diverso, e c’è tanto ancora da fare. Il doppio salto? Confermo che non lo voglio fare, almeno nell’immediato non ci penso. Nello sport i risultati talvolta non sono prevedibili, non vogliamo fare il doppio salto, ma vogliamo comunque fare il nostro campionato. Non sappiamo ancora come sarà composto. Confermo che non ci stiamo attrezzando per fare il doppio salto. La campagna abbonamenti? Abbiamo un numero in mente, perché abbiamo stanziato un budget. Ci aspettiamo un riscontro veramente importante dal nostro pubblico“.
“Il prossimo campionato sarà uno sport diverso da quello che abbiamo fatto in Serie C, perciò lavoreremo sulla struttura della società, sullo stadio e c’è tanto lavoro da fare, ma siamo pronti a lavorare. Confermo fin da ora che non vogliamo fare il doppio salto”.

Anche Matteo Rivetti ha parlato dei programmi futuri. “Avremo un nuovo sito web – HA ANNUNCIATO – con nuova veste grafica che sarà online dal 4 luglio, domani verrà presentata la nuova campagna abbonamenti che aprirà da venerdì 24 giugno alle ore 10 presso il nostro sito, presso la sede e i punti vendita Vivaticket. Lanceremo una promo con agevolazioni per i vecchi abbonati dell’anno scorso. Ci sarà anche una promozione per le famiglie perché vogliamo portarne sempre di più allo stadio. Abbiamo iniziato i lavori allo stadio negli spogliatoi, nel sottopasso, nel tunnel, nella sala stampa, e ristudieremo l’area per i diversamente abili”.

Mattia Rivetti ha spiegato come il processo di selezione del logo sia stata una gara che ha coinvolto agenzie tra Modena, Milano e Bergamo. Quando hanno visto questa proposta non hanno avuto dubbi e hanno subito visto la chiave giusta per dare un’impronta efficace per il futuro canarino, specificando che l’azienda realizzatrice del nuovo logo gialloblù è stata la “CRSL Carosello Lab” di Milano. Per quel che riguarda il font (le parti scritte) è stato ripreso quello utilizzato dal giornale “Modena flash” di fine anni sessanta. La dirigenza gialloblu ha rimarcato di non essersi inventata niente ma solo di aver preso quello che fa parte della storia del club. Come colore e stilizzazione il nuovo logo è una scelta vantaggiosa per quel che ne riguarda una diffusione e memorizzazione rapida soprattutto sul web. Mattia Rivetti ha poi specificato che il nuovo logo andrà mostrato sulle magliette di gara e sostituirà quello vecchio.

La risposta dei tifosi sui social alla novità del canarino stilizzato al posto dello storico stemma con le iniziali MFc non è stato gradito e apprezzato. La scelta di legare il presente con il passato (il canarino era il logo del giornale Modena Flash degli anni ’60 e anche di Teleradiocittà. Le critiche si sono sprecate, ma è certo che con il tempo anche il nuovo logo entrerà nelle preferenze dei tifosi…canarini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.