Via all’Estate modenese diffusa in Giardini, parchi e cortili (video)

Da luglio a settembre, un programma extralarge di musica, incontri, teatro e cinema in una proposta di rete che unisce istituti culturali, associazioni e compagnie.

I Giardini ducali e piazza Roma, il cortile del Tempio e quello del Melograno, il chiostro di San Pietro e gli spazi del San Paolo, tutti i parchi cittadini, Ovestlab al Villaggio artigiano, il teatro Michelangelo e l’Estaoff, Hangar rosso tiepido, San Donnino e la casa museo Luciano Pavarotti.

L’Estate modenese 2022, che torna finalmente in presenza in tutta sicurezza, parte dal centro e si diffonde in tutta la città, riscoprendo e occupando spazi e luoghi con un cartellone extralarge di musica, incontri, teatro e cinema che anima le serate da luglio a settembre e diventa occasione di aggregazione per tutti. Come è ormai consuetudine, la rassegna estiva si realizza grazie a un lavoro di coordinamento e di rete che unisce le proposte degli istituti culturali e delle diverse associazioni e compagnie che animano il territorio modenese, con il coordinamento del Comune e il sostegno di Fondazione di Modena e del Gruppo Hera.

Il ricco programma di appuntamenti è stato presentato questa mattina, lunedì 27 giugno, ai Giardini ducali, con una conferenza stampa alla quale sono intervenuti l’assessore alla Cultura del Comune di Modena Andrea Bortolamasi, Marcella Pelati di Studio’s, Anselmo Sovieni, consigliere di amministrazione di Fondazione di Modena, Giuseppe Gagliano, direttore centrale Relazioni esterne del Gruppo Hera.

Si va dal Radio Bruno estate, il 5 luglio, al cartellone dei “Giardini d’estate”, curato da Studio’s, che prende il via il 19 luglio con il concerto di Mario Venuti e prosegue fino al 2 settembre con serate musicali, tra le quali due appuntamenti della rassegna “Mundus”, letture e la comicità di Antonio Cornacchione, al “Michestate” del teatro Michelangelo, che debutta il 14 luglio con Vito e prosegue fino alla fine di agosto con una grande attenzione al teatro per ragazzi. Ma è ricco anche il programma dei parchi cittadini: al parco Amendola protagonista per tutto luglio e agosto è la musica, e quella dei cantautori in particolare; il parco della Resistenza si caratterizza per il teatro con l’associazione Sted, mentre al XXII Aprile domina il cinema e al parco Ferrari torna Orangestate.

L’1 luglio torna anche il meglio del cinema sotto le stelle con il debutto del Supercinema estivo di Modena e si animano nuovamente anche i chiostri, come quello di San Pietro con gli spettacoli musicali organizzati dal Salotto culturale di Modena, e i cortili, come il Tempio che ospita musica e recital con grande attenzione alle voci femminili, e il Melograno, dove va in scena l’estate del Teatro comunale Pavarotti-Freni.

Ma l’estate modenese 2022, e la musica in particolare, arrivano anche a San Donnino, con i Concerti della luna piena organizzati da Preludio, all’Hangar rosso tiepido, a Ovestlab e fino alla Casa museo Luciano Pavarotti con la sua ricca proposta di serate e incontri.
NON SOLO MUSICA AI GIARDINI DUCALI

Il debutto martedì 19 luglio con il cantante Mario Venuti. In cartellone 23 appuntamenti a ingresso gratuito tra concerti, comicità, letture e spettacoli

Sarà il cantante e musicista Mario Venuti ad aprire, martedì 19 luglio, l’edizione 2022 di “I giardini d’estate”, la rassegna che fino al 2 settembre anima le serate dei Giardini ducali nel centro cittadino.

Promosso dal Comune, e realizzato da Studio’s con il sostegno di Fondazione di Modena e del Gruppo Hera, il programma propone 23 appuntamenti, tra musica, spettacolo e letture.

Grande spazio è dedicato ai concerti: El trio, con John Beasley al piano, Jose Gola al basso e Horacio El Negro Hernandez alla batteria, sarà in concerto il 21 luglio, in collaborazione con gli Amici del jazz Modena jazz Festival 2022; il cantautore Mauro Ermanno Giovanardi, fondatore dei La Crus, accompagnato da Marco Carusino alla chitarra e Jessica Testa al violino, salirà sul palco il 4 agosto in “Un po’ d’amore” ; “Com’è profondo il jazz”, il 20 agosto, è l’omaggio che Teo Ciavarella, a lungo suo collaboratore, rende a Lucio Dalla con la voce di Iskra Menarini. Si prosegue il 27 agosto con le “Canzoni meravigliose” scelte dal pianista Stefano Calzolari e dalla cantante Cristina Renzetti; il 29 agosto con il Tandem formato dal trombettista Fabrizio Bosso e dal pianista Julian Olivier Mazzariello e si arriva alla chiusura del 2 settembre con “Day dream” che vede in scena la cantante jazz Lara Luppi e il suo quartetto.

Tra i concerti non mancano la musica da film, con un tributo a Ennio Morricone (29 luglio) nel concerto a due pianoforti eseguito da Gilda Buttà, che del maestro fu interprete di fiducia, e da Cesare Picco, e le colonne sonore da oscar (31 agosto) eseguite dalla Toscanini Next Orchestra, e le musiche di altri popoli con i due concerti della rassegna Mundus, a cura di Ater: il 26 luglio con il Grupo Compay Segundo de Buona vista social club e il 3 agosto con Mauro Ottolini quintet.

Tra note e parole è, a Ferragosto, la lezione d’opera dedicata alla “Bohème” con il Salotto culturale di Modena, mentre si accompagna alle immagini il concerto dei Flexus “Le orchestre non suonano più” (22 luglio).

In scena anche la comicità, con Antonio Cornacchione in “Deo ex machina. Olivetti… un’occasione scippata” (10 agosto), e con il comico e cantante Ruggero de I timidi in “Sole cuore hangover” (26 agosto).

Il programma si arricchisce con gli appuntamenti in collaborazione con il Baretto dei Giardini e con le serate di letture e racconti: la presentazione di “Ogni estate a Lubecca” di Carlo Gregori (24 luglio); “La strana fine del venditore di case” di Claudio Gavioli (2 agosto); le voci poetiche emiliane che cantano l’amicizia (18 agosto); il “viaggio lungo e soddisfacente” di Rigo, Robby e Mel (rispettivamente Righetti, Pellati e Previte), tre musicisti emiliani che hanno attraversato tre decenni di musica rock (23 agosto).

Tutti gli spettacoli sono a ingresso gratuito eccetto i due appuntamenti di Mundus.

IL CINEMA SOTTO LE STELLE

All’Arena di via Sigonio, dall’1 luglio, la rassegna dei film più rappresentativi dell’ultima stagione, italiani e internazionali, incontri con gli autori e presentazioni

Da “Elvis” di Baz Luhrmann a “Ennio”, l’omaggio a Morricone di Giuseppe Tornatore: dall’1 luglio al SuperCinema Estivo di Modena tornano il meglio del cinema italiano e internazionale, incontri con gli autori e presentazioni sotto le stelle.

Da “The French Dispatch” di Wes Anderson a “Licorice Pizza” di Paul Thomas Anderson passando per “È stata la mano di Dio” di Paolo Sorrentino, l’arena estiva di via Sigonio ospiterà i film più rappresentativi, discussi e acclamati della stagione appena trascorsa, offrendo un cartellone che varia dal cinema d’autore, come “America Latina” dei fratelli D’Innocenzo, alle commedie come “Diabolik” dei Manetti bros, fino alle grandi produzioni internazionali come “Top Gun – Maverik” di Joseph Kosinski e “Downton Abbey 2 – Una nuova era” di Simon Curtis.

La serata di apertura sarà venerdì 1 luglio, alle 21, con “Jungle Jazz – una sinfonia amazonica” del regista brasiliano Henrique Saunier Michiles, presentato da Karine Aguiar, cantante e protagonista del film, che si esibirà sul palco dell’arena.

Per il mese di luglio il SuperCinema Estivo sarà aperto nelle giornate di lunedì, giovedì, venerdì, sabato e domenica. La proiezione inizia alle 21.30 e la cassa apre alle 20.30. Bar a cura di Juta Stereobar. Biglietto unico a 6 euro in cassa oppure su webtic con ingresso diretto in sala. Abbonamento 10 film a 40 euro solo in cassa per over 65, under 14, soci Arci, Acli, Aics e Endas. Per informazioni www.arcimodena.org e la pagina Facebook SuperCinema Estivo Modena.

APPUNTAMENTO LA SERA NEI PARCHI

Musica, performance teatrali e di danza, cinema e storie animano i parchi Amendola, XXII Aprile, Ferrari e della Resistenza fino a settembre

La musica dei cantautori al parco Amendola, performance teatrali e di danza al parco della Resistenza, il cinema e le storie per grandi e piccoli al parco XXII Aprile e di nuovo la musica, con una puntata nella “baraonda” del circo al parco Ferrari. Sono tanti gli appuntamenti che animano le serate estive dei parchi modenesi.

Fino a settembre, il parco Amendola diventa il Parco dei cantautori con le serate, tra le altre, dedicate a Fabrizio De André, Ivan Graziani e Augusto Daolio, insieme ad appuntamenti con il rock’n’roll, dai Beatles a Celentano passando per Elvis, e con la musica folk.

Cinema estivo al parco XXII Aprile con una rassegna di sei film, a cura di Happen, Voice Off e Amnesty, che debutta mercoledì 29 giugno, alle 21, con “I racconti di Parvana”. Nel calendario del parco anche il anche il Gospel festival, con canti e danze multietniche, e serate di fiabe, con “A ritrovar le storie” (a cura di Teatro dell’Orsa e Charitas) e teatro per ragazzi.

Cartellone teatrale al parco della Resistenza a cura dell’associazione Sted che giovedì 30 giugno, alle 20.30, propone la performance di danza “Moods” e prosegue con lo spettacolo teatrale “Amleto al parco” per arrivare fino a “R&G al chiaro di luna”, reinterpretazione di Romeo e Giulietta, passando per la danza di “Radici” e “Partita per due”, ispirato alle opere di Samuel Beckett.

Al parco Ferrari, infine, torna Orangestate, a cura di Caleidos, con i venerdì di musica e ballo per tutti che cominciano l’1 luglio, alle 21.30, con il concerto No project.

L’estate modenese si allarga fino a San Donnino, dove, in strada Grande 325/1, l’associazione Preludio propone i Concerti della luna piena (giovedì 14 luglio e venerdì 12 agosto) e le esperienze di Tramonti: domenica 10 luglio l’immersione in un “Bagno di suoni” e domenica 28 agosto una passeggiata serale su argini e laghi.

SI ANIMANO CHIOSTRI E CORTILI

Appuntamenti con esibizioni musicali e teatro a San Pietro e nei cortili del Melograno e del Tempio, da cui partono anche spettacoli viaggianti nei quartieri

Nell’Estate modenese si animano nuovamente con spettacoli musicali e teatrali anche il chiostro di San Pietro e i cortili del Melograno, che ospita la stagione estiva del Teatro Comunale, e del Tempio da dove parte anche la rassegna di spettacoli viaggianti verso i quartieri.

Nel chiostro di San Pietro, come è ormai consuetudine, il Salotto culturale di Modena, con la direzione artistica di Sabrina Gasparini, propone un cartellone di concerti spettacolo e presentazioni che inaugura mercoledì 29 giugno, con un omaggio a Gabriella Ferri, e prosegue ogni mercoledì fino al 7 settembre. Tra gli appuntamenti in programma, i concerti dell’artista venezuelano Cabruja (6 luglio) e dell’ensemble vocale irlandese Anùna (23 luglio); i successi di Mogol reinterpretati in chiave jazz (20 luglio); la chitarra flamenca di Carlos Piñana (27 luglio); il concerto per quartetto di flauti con musica classica e jazz (3 agosto) e quello di Lalo Cibelli (10 agosto). In rassegna anche una serata in trasferta al cortile del Tempio, giovedì 21 luglio, dedicata a Modenaradiocity con Chicca Bicciocchi, Daniela Moscatti, Daniele Soragni e tanti altri personaggi. Il programma chiude il 7 settembre con un concerto dedicato alle voci di donne.

Musica protagonista anche nel cortile del Tempio dove martedì 5 luglio, alle 21, è in programma il concerto di Carol Mello con musiche della tradizione brasiliana, a cura della Gioventù musicale italiana, che propone anche il tango argentino (27 luglio). Il Tempio ospita anche due spettacoli curati dall’associazione FaberArt: “Romeo e Giulietta. L’amore fa schifo ma la morte di più” (16 luglio) e “Studio su maschile universale” (18 luglio), e sono diversi gli appuntamenti curati dall’associazione Tempio, tra i quali “L’armata Brancaleone” (il 7 e l’8 luglio), Cikiband, concerti interattivi per bambini e famiglie (13 luglio), il concerto della storica band carpigiana Tupamaros (20 luglio), lo spettacolo comico di Andrea Ferrari (23 luglio).

Sempre a cura dell’associazione Tempio è la rassegna “Incontri in città, spettacoli viaggianti” che porta le esibizioni artistiche nelle aree più periferiche della città con un furgoncino che diventa un palcoscenico dal quale artisti e gruppi propongono attività per bambini e famiglie, cabaret, performance musicali, letture e arte di strada. Le esibizioni, gratuite, possono durare da venti minuti a un’ora e si potranno svolgere al mattino, tra le 10 e le 12.30, al pomeriggio, tra le 17.30 e le 19, e la sera tra le 20 e le 22.

“Michestate” è la rassegna estiva del Teatro Michelangelo che debutta giovedì 14 luglio, alle 21, con Vito in “Estate nella Bassa” e chiude il 25 agosto con “Dènsing balere con la esse pesante”. Da giovedì 21 luglio, con “La cicala e la formica” va in scena il teatro per ragazzi che propone anche “La regina carciofona” (28 luglio), “L’albero delle storie” (4 agosto) e “Rusco revolution!” (31 agosto).


(Giardini d’estate, Fabrizio Bosso e Julian Olivier Mazzariello)


(Giardini d’estate, Flexus)


(Giardini d’estate, Iskra)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.