Caporalato e sfruttamento nei campi, controlli in 14 aziende

Il ‘zzzzzzzzzzzzzzzzzprogetto ‘Alt caporalato’

Nelle scorse settimane gli Ispettorati territoriali del Lavoro di Modena e di Verona hanno coordinato due task force per la vigilanza straordinaria contro lo sfruttamento lavorativo in agricoltura: nell’ambito del progetto “ALT Caporalato!”.
I controlli nel modenese

Nel modenese la task force- composta dagli ispettori del Lavoro di Modena, Asti-Alessandria, Como, Lecco e Verona, ai Carabinieri del Nucleo Integrazione Lavorativa, al personale tecnico della Ausl di Modena e l’ausilio dei mediatori culturali dell’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni – ha interessato i comuni di Modena, Prignano sul Panaro, Sassuolo, Vignola, Castelvetro di Modena, Nonantola, Castelfranco Emilia, San Cesario sul Panaro, Carpi, Concordia, San Possidonio, Cavezzo, Rovereto, Soliera, Mirandola, Finale Emilia e San Possidonio.

I controlli si sono concentrati prevalentemente sulle colture a pieno campo e hanno interessato 14 aziende, delle quali 7 sono risultate irregolari. 59 i lavoratori sottoposti ad accertamento, 34 provenienti da Paesi extra-UE

Oltre alle sanzioni, sono stati emanati 3 provvedimenti di sospensione dell’attività imprenditoriale nei confronti di altrettante aziende, per la presenza accertata di 7 lavoratori completamente “in nero”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.