Maltempo, si fa la conta dei danni, stato di crisi regionale

Edifici scoperchiati, alberi abbattuti, blackout elettrici, colture allagate e frutteti danneggiati dal vento e dalla grandine, centinaia di interventi dei Vigili del Fuoco e delle squadre di volontari della Protezione civile regionale che in queste ore sono ancora in campo per la verifica dei danni causati dal maltempo e assicurare il ritorno alla normalità.

È quanto ha lasciato dietro di sé l’intensa ondata temporalesca con forti raffiche di vento, grandine, nubifragi e anche una tromba d’aria, che ha sferzato l’Emilia-Romagna colpendo soprattutto le province di Ferrara, Modena e Parma.

Molti interventi da parte dei Vigili del Fuoco e della Protezione civile sono ancora in corso. In un quadro complessivo dove, fatta eccezione per alcune zone del ferrarese, la situazione sta lentamente tornando alla normalità sono in corso la quantificazione dei danni.

Intanto ieri, venerdì 19 agosto, con decreto del presidente, la Regione Emilia-Romagna ha proclamato lo stato di crisi regionale, provvedimento necessario per affrontare al meglio la situazione che si è verificata in tante zone dell’Emilia-Romagna.

Nel dettaglio e per provincia, di seguito gli interventi e gli eventi più rilevanti che si sono verificati da mercoledì a venerdì.

Provincia di Ferrara

Quello ferrarese uno dei territori più colpiti tra mercoledì sera (Bondeno e la città di Ferrara) e venerdì mattina: pressoché tutta la provincia, fatta eccezione dei comuni sulla costa, è stata colpita da una pioggia intensa non assorbita dalle caditoie della rete fognaria. Questo ha provocato allagamenti di strade e cantine.

Diversi blackout elettrici hanno inoltre bloccato gli impianti di sollevamento dell’acqua nelle apposite reti idriche. Tra le località più colpite Cento, Argenta, Vigarano Mainarda, Bondeno e Fiscaglia. A Bondeno, inoltre, sui danni da scoperchiamento si è aggiunta la pioggia che si è infiltrata all’interno degli immobili anche dai tetti.

Sono in corso la rimozione di alberi e rami caduti sulle strade provinciali e comunali, e la messa in sicurezza delle piante pericolanti. Ad oggi sono 16 le persone evacuate dalle proprie abitazioni, 10 a Bondeno e 3 a Vigarano, 3 a Boara.

Ai circa 250 interventi di ieri dei Vigili del fuoco, si aggiungono le 500 chiamate di oggi in corso di soluzione anche con l’ausilio dei volontari. In campo ieri l’altro dodici squadre di Protezione civile (48 volontari), ieri tredici squadre (con 74 volontari) e oggi dodici squadre (72 volontari) di cui 5 squadre provenienti da fuori provincia.

Provincia di Modena

I comuni interessati dal maltempo (grandine, vento, pioggia con rami e alberi caduti, scoperchiamenti e allagamenti, caduta segnaletica verticale) sono stati: San Felice sul Panaro, Carpi, Soliera, San Prospero, Medolla, Prignano sulla Secchia, Mirandola, Novi di Modena e Finale Emilia.

In campo diverse squadre di volontari di Protezione civile, nove nella giornata di venerdì 19 agosto. Una quarantina gli interventi dei vigili del fuoco giovedì per alberi pericolanti, rimozione tegole e una decina venerdì mattina.

Provincia di Parma

I comuni interessati dal maltempo (grandine, vento, pioggia con rami e alberi caduti, scoperchiamenti e allagamenti) sono stati: Bedonia, Tornolo, Compiano, Bardi, Varsi, Albareto, Bore, Torrile, Fornovo di Taro, Berceto e Parma. In campo giovedì sei squadre di volontari di Protezione civile, venerdì nove. Ben 22 gli interventi dei vigili del fuoco per alberi pericolanti, danni da acqua e per un tetto di una palestra.

Provincia di Bologna

I comuni interessati dal maltempo (vento, pioggia con rami e alberi caduti e allagamenti) sono stati: Baricella, Molinella, Budrio, Medicina, San Lazzaro, Monzuno. Oltre un centinaio gli interventi dei vigili del fuoco per alberi pericolanti, danni da acqua e rimozioni di coperture pericolanti.

Provincia di Reggio Emilia

I comuni interessati dal maltempo (danni da pioggia e allagamenti) sono stati: Montecchio, Gattatico e Sant’Ilario. In campo venerdì due squadre di volontari di Protezione civile. Una ventina gli interventi dei vigili del fuoco.

Provincia di Forlì-Cesena

I comuni interessati dal maltempo (vento, pioggia con alberi caduti, e allagamenti localizzati) sono stati Forlì, Cesena, Cesenatico, Castrocaro Terme, Dovadola, Bagno di Romagna e Galeata. In campo venerdì una squadra di volontari di Protezione civile. Una ventina gli interventi dei vigili del fuoco.

Provincia di Rimini

Particolarmente interessato dal maltempo (vento, pioggia e grandine con alberi e rami caduti nonché sottopassi interdetti nella mattinata per allagamenti localizzati) il comune di Riccione. In campo venerdì cinque squadre di volontari di Protezione civile. Una ventina gli interventi dei vigili del fuoco.

A MORTIZZUOLO ABBATTUTO UN TIGLIO
Tra i numerosi alberi “vittime” del maltempo che, tra mercoledì 17 e venerdì 19 agosto, ha colpito la provincia di Modena e, in particolare, la Bassa modenese, c’è anche lo storico tiglio dell’asilo di Mortizzuolo, frazione di Mirandola. Nella giornata di ieri, infatti, i Vigili del Fuoco, con la collaborazione della Polizia Locale di Mirandola, che ha sospeso la circolazione in via Imperiale, all’altezza della rotatoria con via Salvo D’Acquisto, hanno provveduto alla rimozione della pianta, dopo che, nella serata di mercoledì, a causa del forte temporale, una parte di questa si era spezzata cadendo nel cortile dell’asilo di Mortizzuolo, fortunatamente vuoto. Dopo il temporale, la pianta era, ormai, pericolante e presentava marciume che ne comprometteva la stabilità: per salvaguardare la sicurezza di bimbi e personale dell’asilo alla riapertura, è stato, dunque, deciso l’abbattimento dello storico tiglio. Dopo la rimozione della pianta, la strada è stata riaperta al traffico veicolare, anche se per il momento rimane impedito il passaggio ciclopedonale per un breve tratto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.