Omicidio Matteuzzi / Gip convalida l’arresto di Padovani

Il calciatore davanti al Gip si è avvalso della facoltà di non rispondere.

Il gip del Tribunale di Bologna, Andrea Salvatore Romito, ha convalidato l’arresto e disposto la custodia cautelare in carcere per Giovanni Padovani, il 27enne arrestato per l’omicidio della compagna Alessandra Matteuzzi, colpita a martellate martedì sera a Bologna. L’udienza si era tenuta questa mattina e il gip si era riservato la decisione. Davanti al giudice l’indagato, difeso d’ufficio dall’avvocato Enrico Buono, si era avvalso della facoltà di non rispondere.

Giovanni Padovani, 27enne in arresto per l’omicidio della compagna Alessandra Matteuzzi, colpita a martellate martedì sera a Bologna, si è avvalso della facoltà di non rispondere nell’udienza di convalida davanti al Gip Andrea Salvatore Romito.

Padovani, calciatore dilettante, era in tenuta sportiva, maglietta nera e pantaloncini corti verde fosforescenti.

È difeso d’ufficio dall’avvocato Enrico Buono. “È molto provato”, ha detto il difensore ai giornalisti uscendo dal tribunale. Il pm Domenico Ambrosino ha chiesto convalida e carcere per omicidio aggravato dallo stalking. Fuori dall’aula era presente anche la mamma dell’indagato.

Quando è stata aggredita dall’ex, Alessandra Matteuzzi era al telefono con la sorella. Lo ha raccontato la stessa al Tgr Rai Emilia-Romagna. “È scesa dalla macchina e ha cominciato a urlare: no Giovanni, no, ti prego, aiuto. Io ero al telefono, ho chiamato immediatamente i carabinieri che sono arrivati subito. Io abito a 30 chilometri. Alla fine l’ha massacrata di botte”, ha detto la donna in lacrime.

Alessandra Matteuzzi a fine luglio aveva presentato denuncia contro l’ex compagno, dal quale si era lasciata da qualche mese. L’indagato è un calciatore ed ex modello, originario di Senigallia, in provincia di Ancona. Ha militato in varie squadre di serie C e D: tra cui il Foligno calcio, il Troina, Giarre e ora la Sancataldese, team siciliano. Sarebbe arrivato a Bologna in aereo dalla Sicilia e poi sarebbe andato ad attendere la donna sotto casa.

“In questa vicenda non si può affatto parlare di malagiustizia”. Lo dice al Gr1 il procuratore di Bologna Giuseppe Amato, sulla morte di Alessandra Matteuzzi, uccisa dall’ex compagno, che aveva denunciato per stalking. “La denuncia – dice Amato – è stata raccolta a fine luglio, il primo agosto è stata iscritta e subito sono state attivate le indagini che non potevano concludersi prima del 29 agosto perché alcune persone da sentire erano in ferie. Quello che potevamo fare lo abbiamo fatto”. Dalla denuncia, secondo Amato, “non emergevano situazioni di rischio concreto di violenza, era la tipica condotta di stalkeraggio molesto”.

La ministra della Giustizia, Marta Cartabia, attraverso il suo Gabinetto, ha chiesto agli uffici dell’Ispettorato di “svolgere con urgenza i necessari accertamenti preliminari, formulando, all’esito, valutazioni e proposte”. Un’iniziativa presa a fronte delle ricostruzioni di stampa sul femminicidio di Bologna. E’ quanto si apprende da fonti di via Arenula.

“Mia zia era una persona di cuore e non si meritava tutto questo, spero che questo episodio serva a cambiare le cose. Mi aspetto che lui marcisca in galera, ma che non paghi una persona sola, altrimenti succederà di nuovo”. Lo ha detto Matteo Perini, nipote di Alessandra Matteuzzi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.