Tremolada: “Su di me troppe critiche, ci voleva più equilibrio nei giudizi”

“Giudizi un po’ pesanti, sono il primo a sapere quando non gioco bene, ma quando il Modena perdeva non era solo colpa mia, si gioca bene o male in undici e quando gioco male sono il primo ad ammetterlo. Adesso la squadra gioca bene e anche io faccio belle cose. Gli angoli? Li ho sempre tirati, qualche volta li tiro male, ma adesso siamo più bravi dentro l’area, il lavoro paga”.

Antonio Pergreffi. “Oggi era importante dare continuità, abbiamo risposto in maniera positiva, volevamo i tre punti ad ogni costo; serviva l’atteggiamento giusto, abbiamo chiuso tutti gli spazi, concesso poco e nulla al Como ed è arrivata questa vittoria larga; la doppietta? avevo segnato con la maglia del Piacenza proprio contro il Modena! Tremolada? Grandissima prestazione, lavora bene e forte, è giusta la soddisfazione, tutta la squadra ha fatto una grande prestazione, la migliore che potessimo offrire. Il Como ha giocatori importanti per la categoria, ma noi lavoriamo su noi stessi, oggi avevamo preperato alcune cose e le abbiamo messe in pratica. Una dedica per i miei gol? Alla mia famiglia, moglie, figlio e genitori che mi hanno sempre seguito”.

Tesser: “Non volevo prendere il gol, abbiamo fatto una buona partita, con personalità e qualità, sono contento. Abbiamo cercato di partire forte subito togliendo le fonti di gioco del Como, ci siamo riusciti, abbiamo giocato sulle secondode palle, abbiamo dato densità centrali e abbiamo fatto spingere i centrali, bene i tre quartisti, con Tremolada e Falcinelli, quando tutto gira bene il gioco viene più fluido. Oggi sto bene, anche se ho cercato di tenere su la squadra, ripeto che non volevo prendere gol, ma sono soddisfatto anche per le tante occasioni create, la squadra è in crescita, mi spiace che ci sia di mezzo la Coppa Italia perchè volevo pensare solo alla gara di Pisa: oggi non siamo stati perfetti ma quasi, abbiamo vinto tante seconde palle, bene in questo senso Gerli e Armellino che avevano un ottimo passo e hanno sbagliato poco o niente, la condizione è buona, lo era anche prima, ma adesso giochiamo in 30-40 metri, non 70. Tremolada si è preso le critiche ma io sapevo che era in crescendo, adesso deve rimanere tranquillo e non montarsi la testa, lui è un po’ genio e un po’ sgregolatezza, ha qualità nel tocco ma ha anche giocato per la squadra, per la maglia e non per sè stesso, io guardo anche quelle cose lì”

Luca Tremolada, grande protagonista contro il Como. “Sono contento, 4 assist sono una cosa bellissima, mi è spiaciuto uscire, qualche critica me la sono presa, quando abbiamo perso non era colpa solo di Tremolada, ci voleva più equilibrio nei giudizi su di me, non è stato bello, oggi però ringrazio il pubblico che ha urlato il mio nome; credo di aver dato tutto per il Modena, anche l’anno scorso, mi prendo le responsabilità, quando la squadra gioca bene gioco bene anch’io. Le critiche le accetto, sono autocritico, forse ho un calcio vecchio stampo, ma a volte sono brutto da vedere, sembra che io non corra ma non è cosi, so che la gente si aspetta tanto da me, questo è solo l’inizio. Mi prendo le responsabilità, soffro quando la squadra fa fatica, il pubblico però mi galvanizza quando sento che mi è vicino e acclama il mio nome. Gli angoli? Li ho sempre calciati, a volte calcio male, adesso attacchiamo meglio la porta, i frutti del lavoro si vedono ed è importante”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *