Mat / Si parla di Autismo e mondo del lavoro

Al via il weekend di Màt tra teatro, musica, festa. L’inserimento dei giovani con autismo nel mondo del lavoro è una fase cardine nel percorso della loro integrazione sociale e nella conquista dei diritti: oggi pomeriggio, venerdi, al Corni un approfondimento sulla realtà e i servizi in questo ambito in provincia di Modena. Màt – Settimana della Salute Mentale – si chiude tra teatro e musica: domani sera al teatro Drama lo studio sull’Antigone e sabato sera a La Tenda appuntamento con ‘MusicLab Fest: la musica per l’inclusione sociale’

È sempre più impellente il bisogno di predisporre obiettivi educativo-didattici utili alla transizione all’età adulta degli alunni autistici, nella prospettiva dell’inserimento lavorativo.
Se ne parla a Màt venerdì 28 ottobre alle 15 presso l’Aula Magna ITI Corni (Viale Leonardo Da Vinci 300, Modena) all’interno del seminario “Rete AutisMO” a cura di C.T.S. Modena (Centro Territoriale di Supporto) Sportello Autismo e Neuropsichiatria Infanzia e Adolescenza – Centro Spoke per l’Autismo.
Nel 2022, ad oggi, lo Spoke Autismo ha valutato 151 situazioni confermando la diagnosi a 131 utenti; le valutazioni riguardano quasi tutti piccoli pazienti, della fascia 2-4 anni, ma ci sono stati anche alcuni utenti adolescenti (5) e alcuni giovani adulti seguiti dai Centri di Salute Mentale (8).

È in corso un interessante percorso di collaborazione tra Spoke Autismo dell’Ausl modenese e Sportello Autismo del mondo della scuola per l’individuazione di abilità emergenti che possano diventare obiettivi del PEI (piano educativo individualizzato), funzionali alla loro spendibilità attuale nei Pcto (percorsi per le competenze trasversali e l’orientamento) e futura nel post-scuola di giovani adulti con autismo. Il CTS di Modena-Sportello Autismo – che ha sede presso l’I.P.S.I.A Fermo Corni – svolge attività di consulenza metodologico-didattica e sull’uso di sussidi per favorire inclusione scolastica degli alunni con disturbo dello spettro autistico frequentanti le scuole di ogni ordine e grado della provincia di Modena. In esso operano docenti distaccati esperti in tema di disabilità e viene svolta anche attività di formazione in collaborazione con l’UAT-VIII di Modena e la rete dei CTS dell’Emilia-Romagna. Nell’anno scolastico 2021-22 sono state effettuate 20 consulenze di cui 4 in collaborazione con lo Spoke Autismo dell’Ausl.

Nel corso dell’incontro di domani saranno anche presentati i Protocolli Regionale e Provinciale di collaborazione interistituzionale atti a rafforzare il raccordo tra scuola e mondo del lavoro; lo scopo è quello di individuare le competenze trasversali richieste dal mondo del lavoro utili alla definizione di obiettivi su cui la scuola possa lavorare anche attraverso la progettazione di PCTO (percorsi per le competenze trasversali e l’orientamento) e riflettere e approfondire la neurodiversità, la necessità di valutare le attitudini dei ragazzi ASD per supportarli nello sviluppo di competenze orientate all’adultità.
A livello regionale, c’è un protocollo di collaborazione triennale sottoscritto tra Agenzia Regionale per il Lavoro Emilia-Romagna e Ufficio Scolastico Regionale dell’Emilia-Romagna siglato nel gennaio 2022 che definisce le modalità di collaborazione per assicurare l’offerta di interventi ideati e rivolti in modo particolare per gli studenti con disabilità dell’ultimo anno di scuola secondaria di 2° grado. A livello provinciale, invece, c’è il “Protocollo d’intesa per la realizzazione di azioni volte a favorire l’accesso degli studenti disabili al mondo dl lavoro” siglato per la prima volta nell’ottobre 2019 e rinnovato per un altro triennio nel luglio 2022, sottoscritto tra Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Modena (CCIAA), Ufficio Scolastico Regionale Emilia Romagna Ambito territoriale di Modena, IPSIA Corni-Centro Territoriale di Supporto di Modena, Agenzia Regionale per il lavoro Emilia Romagna (Servizio Territoriale Centro 2 – Ufficio per il Collocamento mirato di Modena), Comune di Modena e Fondazione San Filippo Neri.

«A livello regionale ci sono a spot esperienze molto interessanti ad esempio a Reggio Emilia e a Bologna – spiega Angela Russo, neuropsichiatra infantile, responsabile Spoke Autismo Ausl Modena – Nel territorio modenese, la Camera di Commercio si impegna a favorire la continuità tra i percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento, i tirocini formativi e l’inserimento lavorativo degli studenti con disabilità, promuovendo il Protocollo presso le imprese iscritte al Registro imprese e a sensibilizzare il più possibile il mondo del lavoro su questo tema di grande impatto sociale. Ci sono diversi tavoli che cominciano ad aprirsi in cui professionisti del mondo del lavoro partecipano e speriamo si aprano nuove collaborazioni: la maggior parte dei nostri ragazzi difficilmente riesce a entrare nel mondo del lavoro se questo non prevede tutele e accorgimenti dell’ambiente e del ritmo di lavoro particolari e quindi, anche se uno ha un grande potenziale, non è detto che riesca a esprimerlo se non ha questi sostegni».

Teatro e musica per il weekend di Màt
Sempre domani, ma alle 21, appuntamento al Teatro Drama di viale Buon Pastore 57 a Modena, con lo spettacolo ‘Polvere – studio numero due intorno ad Antigone’ a cura di Associazione Insieme a Noi ODV. Costruito attorno al tema della giustizia, lo spettacolo parte da alcune riflessioni che emergono dalle vicende di Antigone: la Legge del sovrano che si compie inderogabile per mantenere l’ordine nella città, ma che si contrappone alla morale e alle leggi non scritte. Il progetto prevede di indagare temi come singolarità, gerarchia, rilevanza sociale, riconoscimento dell’altro e le storie che emergono da queste contraddizioni.
La scrittura scenica è di Lisa Severo e Francesca Iacoviello. In scena gli attori Flavia Brunella, Filippo Congionati, Valerio Costantini, Eunice Fernanda De Filipe, Andrea Esposti, Emanuele Fancinelli, Nicla Frare, Alberto Gatti, Aleksandra Ludwiczak, Matteo Manfredini, Alessandro Pagani, Tatiana Preti, Lucia Salmi e Francesco Stano.

La Settimana della Salute Mentale si chiude come si è aperta: con una festa. L’appuntamento è sabato 29 ottobre dalle 20.30 negli spazi de La Tenda di Modena, in Viale Monte Kosica, con ‘MusicLab Fest: la musica per l’inclusione sociale’. L’evento, a cura di Associazione Insieme a Noi ODV, avrà inizio con l’esibizione dei ragazzi del gruppo MusicLab dell’Associazione Insieme a Noi, che daranno vita ad una serie di performance a partire da basi rap/hip-hop selezionate ed in parte con l’ausilio di chitarra ed altri strumenti. A seguire si esibirà l’artista bolognese Matteo Malacarne, con il suo progetto solista nato durante il periodo della quarantena da Covid-19, e gli Hanga Roa che, attraverso i brani estratti dal loro primo album Ooze, si esibiranno in una performance dal sound ancestrale e primitivo. L’evento costituisce un’occasione importante per coloro che partecipano al MusicLab per testare le proprie capacità e mettersi in gioco nell’esprimere sé stessi attraverso le canzoni che portano. L’obiettivo è di ibridare le loro performance con quelle di band e artisti di generi differenti.

Màt è un progetto dell’Azienda Usl di Modena con l’organizzazione di Arci Modena e il patrocinio di Regione Emilia-Romagna, Provincia di Modena, Comune di Modena, Unimore; la manifestazione è realizzata grazie al sostegno di Fondazione di Modena, BPER Banca, CSM dei Comuni della Provincia di Modena, oltre 100 associazioni di volontariato, di promozione sociale e dei famigliari degli utenti. La manifestazione è gratuita e aperta a tutti. Il programma completo è consultabile sul sito www.matmodena.it.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *