Cittadini: “Difesa a tre? Mi trovo benissimo”

«Questa estate sono arrivato qui consapevole di dover migliorare e lavorare molto, ovvero entrare nel calcio dei grandi. A Modena mi sono trovato subito bene, i compagni mi hanno accolto e anche ora mi stanno aiutando parecchio con tanti consigli. Nessuna aspettativa, ma solo tanto impegno e concentrazione

Schierato a Cittadella nella difesa a tre insieme a De Maio e capitan Pergreffi, Giorgio Cittadini ha risposto presente dando il proprio contributo nello 0-0 ottenuto in terra veneta.

L’ex Atalanta è soddisfatto del punto e della prestazione, anche se all’inizio qualcosa non ha funzionato al meglio. “Abbiamo portato a casa un buon punto – commenta – potevamo sicuramente fare meglio, ma con il nuovo modulo siamo riusciti a dare il massimo. Gagno? Prima del rigore, sentivo che l’avrebbe parato e dopo la respinta sono andato subito da lui per stringergli forte la testa e dirgli “sei un grande”».

Con il Cittadella il difensore ha ritrovato la maglia da titolare (ultima volta il 17 settembre a Marassi con il Genoa). L’infortunio è alle spalle e adesso promette di dare il proprio contributo. “Sono contento di essere tornato in campo dopo l’infortunio, ho arrancato un po’ in avvio ma piano piano mi sono messo in riga. Il nuovo schieramento? Nel modulo a tre, che conosco e faccio da quasi tre anni, mi trovo bene e si adatta meglio alle mie caratteristiche. All’Atalanta, sia Gasperini che in Primavera mi chiedevano questo, ovvero di fare il terzo di difesa, appena ero in possesso della palla, dovevo giocare e creare superiorità in avanti, ovviamente quando c’era la possibilità senza esagerare ed evitando di restare scoperti. Detto ciò, non ho assolutamente problemi dato che in questo inizio di stagione ho giocato anche con la difesa a quattro e pure lì mi sono trovato bene”.

Sabato al Braglia arriva il Perugia, squadra che è ultima in classifica ma non va sottovalutata. “Dobbiamo puntare tutto sulla vittoria – afferma sicuro – non sarà una partita semplice, sono una buona squadra e non significa nulla il fatto che siano ultimi in classifica. Dovremo dare il massimo e cercheremo a tutti i costi di ottenere i tre punti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *