Omicidio Alice, è arrivato in Italia il tunisino Gaaloul, principale sospettato

Alle 15 l’ingresso in carcere S.Anna a Modena. Domai l’interrogatorio.

È atterrato all’aeroporto milanese di Linate con un volo proveniente da Parigi, intorno a mezzogiorno, Mohamed Gaaloul, il tunisino di 29 anni indagato per l’omicidio di Alice Neri, mamma 32enne di Ravarino, in provincia di Modena, trovata carbonizzata nella sua auto bruciata il 18 novembre a Concordia, sempre nel Modenese.
Gaaloul, per pm e carabinieri il principale sospettato dell’omicidio, è stato fermato in Francia il 14 dicembre.

Una volta tornato nel modenese, per il 29enne il trasferimento, con la polizia penitenziaria, al carcere Sant’Anna di Modena. Questo pomeriggio l’avvocato di fiducia dell’uomo, il modenese Roberto Ghini, si recherà proprio al Sant’Anna per incontrare il suo assistito. Nei prossimi giorni Gaaloul comparirà davanti al gip per essere interrogato.

AGGIORNAMENTO
Il tunisino è sbarcato a Linate poco dopo mezzogiorno e da lì è stato preso in consegna dalle forze dell’ordine per il trasferimento in carcere a Modena, dove è arrivato circa alle 15. Domani è previsto l’interrogatorio di garanzia. Galooul alla presenza del suo avvocato Roberto Ghini potrà fornire la sua versione dei fatti accaduti la notte tra il 17 e il 18 novembre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *