‘Giornata della memoria’, in Regione martedi si apre la settimana degli eventi

L’inaugurazione della mostra documentaria ‘Insegnare narrando storie. Mercoledi appuntamento in Regione con la proiezione di un documentario realizzato dalla Fondazione Villa Emma.

Laura Orvieto e il suo mondo’ a cura di Caterina Del Vivo, realizzata dal Museo ebraico di Bologna, e la lettura pubblica di ‘Lei conosce Arpad Weisz?’, tratto dal libro “Dallo scudetto ad Auschwitz”, di Matteo Marani, con Consuelo Battiston e Leonardo Bianconi per la regia di Gianni Farina, in programma martedì 17 gennaio, aprono in Regione la settimana di eventi dedicati alla “Giornata della memoria”, che ricorre il 27 gennaio.

 
Quest’anno l’Assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna promuove una settimana di iniziative per ricordare lo sterminio e le persecuzioni del popolo ebraico e dei deportati nei campi nazisti. Particolare attenzione è rivolta agli studenti delle scuole, che verranno coinvolti e sensibilizzati sul tema della memoria e contro ogni forma di discriminazione. Tutti gli eventi si svolgono nella sede dell’Assemblea a Bologna. L’inaugurazione della mostra si tiene martedì 17 gennaio alle 11. Oltre alla curatrice è prevista la presenza della direttrice del Museo ebraico di Bologna, Vincenza Maugeri, e della presidente dell’Assemblea legislativa Emma Petitti.
L’esposizione, attraverso fotografie, libri, illustrazioni e disegni, ripercorre il percorso formativo della scrittrice per l’infanzia Laura Orvieto (Milano 1876 – Firenze 1953) a partire dall’infanzia milanese, la collaborazione con Rosa Errera, pioniera dei primi doposcuola per bambini poveri, l’arrivo a Firenze, le persecuzioni razziali e il ritorno alla scrittura dopo la guerra.
Mercoledì 18, alle 10, proiezione del documentario “Dove vi portano gli occhi: a colloquio con Edith Bruck”, realizzato dalla fondazione Villa Emma di Nonantola in collaborazione con la videoteca dell’Assemblea legislativa. La proiezione è preceduta da un incontro introduttivo con gli autori Ivan Andreoli e Fausto Ciuffi, direttore della Fondazione Villa Emma, insieme a Stefano Vaccari, presidente della Fondazione. La scrittrice Edith Bruck partecipa in videocollegamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *