All’auditorium Montalcini terzo incontro di ‘Sound Surprise’

Giovedì prossimo 9 dicembre alle ore 18 presso l’Auditorium Rita Levi Montalcini di Mirandola, la cui Stagione teatraleè stata affidata anche per il 2021/2022 dall’Amministrazione comunale ad ATER Fondazione, si terrà ad ingresso gratuito il terzo incontro della rassegna “Sound Surprise”, un ciclo di 4 incontri sulla riscrittura musicale con la Fondazione Toscanini.

L’incontro condotto da Gianluigi Giacomoni vedrà la partecipazione dei due giovani musicisti Rosita Piritore e Andrea Coruzzi in previsione del concerto in programma all’Auditorium il 15 dicembre, dal titolo “Note di Notte” in cui il Quintetto de La Toscanini Next, con il sistema di trascrizione ed arrangiamenti delle musiche, presenta celebri brani da film e composizioni jazz e un doveroso omaggio a Piazzolla in occasione dei cent’anni dalla nascita.

I quattro concerti che la Fondazione Toscanini realizza nelle stagioni teatrali di Russi, Bomporto, Mirandola e Pavullo nel Frignano sono splendidi esempi di trascrizioni e adattamenti di brani musicali, i più diversi, e sono preceduti da altrettanti incontri che si soffermano in particolare sui procedimenti e i risultati di queste operazioni che, oggi come ieri, hanno lo scopo di divulgare la grande musica per ampliare la platea dei potenziali fruitori.

“Sound Surprise” è un avventuroso viaggio alla scoperta della musica intesa come un’arte magica, capace di trasformarsi e rigenerarsi continuamente, anche attraverso gli arrangiamenti, le riscritture e le tecniche di trascrizione. Un breve ciclo di 4 lezioni dal vivo fino al 10 dicembre 2021. Gli appuntamenti saranno diffusi in rete successivamente sulla pagina Facebook di ciascun teatro e di ATER Fondazione, sulla piattaforma teatrinellarete.it e sul canale Youtube di ATER.

In musica per trascrizione si intende l’operazione che permette di riadattare una composizione musicale, scritta originariamente per un determinato strumento o gruppo di strumenti, per uno o più strumenti diversi (ad es., una trascrizione per orchestra di un brano scritto per uno strumento, o viceversa).Compositori di tutte le epoche, per le più svariate ragioni (pratiche, didattiche, divulgative, commerciali, di studio, artistiche, …) hanno trascritto ripetutamente le proprie composizioni e quelle dei loro predecessori e contemporanei.

La trascrizione nell’Ottocento ha avuto lo stesso ruolo che nel Novecento avrebbero avuto il grammofono, il disco, la radio, la televisione: all’epoca fu un potente strumento di divulgazione della musica, in particolare di quella orchestrale e operistica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.