Coronavirus / In E.R. 2.898 nuovi casi e ricoveri in calo

Nei reparti pazienti scesi sotto quota duemila

Sono 2.898 i nuovi casi di coronavirus in Emilia-Romagna, su oltre 35.700 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore, mentre tornano a scendere i ricoveri con Covid-19: nelle terapie intensive ci sono 110 pazienti (tre in meno da ieri), di cui circa la metà senza alcuna dose di vaccino; negli altri reparti si scende per la prima volta da settimane sotto quota duemila.

I degenti sono 1.974 (144 in meno in 24 ore).

Vuoi di più per il tuo Business? Fibra fino a 1 GB, Router e chiamate illimitate È arrivata la Fibra Premium con tutto incluso: Router, IP statico e chiamate. Nessun costo di attivazione. TIM BUSINESS

Ancora alto il numero dei nuovi decessi, 27 persone. Complessivamente i casi attivi sono 75.460 (-5.790), di cui il 97,2% in isolamento domiciliare.

Migliora il quadro epidemiologico in Emilia-Romagna, prossima al ritorno in zona bianca: la pressione sugli ospedali si sta alleggerendo, l’incidenza dei casi di coronavirus è in calo e l’Rt si attesta intorno allo 0,7%. Bene anche la campagna vaccinale, con quasi il 95% dei cittadini over 12 che ha ricevuto almeno una dose di vaccino. Oltre il 93% ha completato il percorso di immunizzazione. È il quadro riferito dall’assessore alla Salute Raffaele Donini in Commissione assembleare.

In regione l’incidenza è passata da 2.789 nel periodo 17-23 gennaio a 1.242 dal 31 gennaio al 6 febbraio. Inoltre, anche l’Rt è attorno allo 0,7, tra lo 0,64 e l’0,79. Un dato incoraggiante perché, sottolinea Donini, “promette che la curva epidemiologica possa addolcirsi e diminuire nei prossimi giorni”. La fascia di età con l’incidenza più alta è quella 6-10 anni e la variante Omicron è la più diffusa, al 98,7%. Quanto agli ospedali, la saturazione dei reparti è al 23,5%, mentre il limite per tornare in zona bianca è al 15%. Quanto alle terapie intensive la percentuale è al 12,7% e per rientrare occorre il 10%: “Siamo in una situazione inversa rispetto a qualche settimana fa”, precisa l’assessore. Bene i dati sull’autotesting, il servizio voluto dalla Regione per l’apertura e la chiusura dell’isolamento con tampone rapido antigenico riservato a chi ha fatto la terza dose ed è asintomatico: sono 33.444 le persone che lo hanno utilizzato dal suo avvio, il 19 gennaio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.